fbpx

Il ritorno dei pirati somali

Print Friendly, PDF & Email

L’attività della pirateria marittima al largo delle ciste dell’Africa orientale è raddoppiata nel 2017 rispetto all’anno precedente, secondo un nuovo rapporto, che indica che le reti criminali somale sono ancora in grado di attacchi sofisticati.

Oceans Beyond Piracy (OBP), nel suo rapporto The State of Maritime Piracy 2017, ha registrato nel 2017 un totale di 54 incidenti nella regione dell’Oceano Indiano Occidentale, un aumento del 100% rispetto al 2016, che ha visto 27 incidenti.

Questi attacchi includevano un dirottamento, tre sequestri, tre rapine, 15 attacchi falliti e 32 episodi di attività sospette.

Il 2017 ha visto un aumento del numero di marittimi colpiti da episodi di pirateria e rapina a mano armata in mare, da 545 nel 2016 a 1.102 nel 2017.

Per la prima volta in due anni, l’OBP ha registrato episodi di dirottamento e sequestro in mare al largo dell’Africa orientale. Le “attività sospette” hanno continuato a essere il più alto incidente rappresentato nella regione nel 2017 con un significativo aumento dai casi 13 registrati nel 2016 ai 32 nel 2017.

L’impennata degli attacchi nel primo trimestre del 2017 è stata attribuita a diversi fattori. Questi includono il continuo intento dei gruppi di pirati di lanciare attacchi favorita dalla maggiore opportunità di effettuarli a causa della minore aderenza alle misure di auto-protezione, tra cui Best Management Practices (BMP).

Si è infatti registrata una minore presenza di guardie private a bordo delle navi mercantili e una ridotta attività delle flotte internazionali anti-pirateria, giustificate anche dal netto calo del fenomeno piratesco registrato nelle acque somale negli ultimi anni.

“Come negli anni precedenti, la capacità e l’intento delle reti di pirati non è diminuita, come è stato osservato con l’aumento del numero di dirottamenti, tra cui l’Aris 13, l’Asayr 2, e Al Kausar”, sottolinea il rapporto di Oceans Beyond Piracy.

Il dirottamento del 23 marzo 2017 della petroliera Aris 13 al largo della Somalia ha segnato il primo successo di dirottamento di una nave mercantile in cinque anni. Anche due dhow sono stati attaccati e catturati dai pirati somali.

Attacchi che secondo l’OBP non dimostrano un ritorno su vasta scala delle attività dei pirati nel Corno d’Africa ma che indicano “la necessità per le navi di aderire al Best Practice Management (BMP) del settore “.

Il rapporto aggiunge che il conflitto politico nello Yemen ha continuato a influenzare lo spazio marittimo nella regione, con un numero di incidenti verificatisi al largo delle coste dello Yemen.

“La gamma di minacce in questa regione rende evidente la necessità di un approccio globale alla sicurezza marittima. L’ambiente insicuro consente alla pirateria e ad altri crimini marittimi di prosperare e continuare senza sosta. La soluzione a lungo termine della lotta alla pirateria include la necessità di creare uno spazio marittimo sicuro”.

Il costo della pirateria in Africa orientale ha raggiunto 1,4 miliardi di dollari nel 2017 (compresi 292 milioni spesi per sicurezza imbarcata e 199 milioni per attività navali internazionali): in calo rispetto a 1,7 miliardi del 2016 e addirittura in picchiata rispetto ai 7 miliardi del 2010, durante il picco degli attacchi delle bande somale.

Da allora la presenza di forze navali internazionali, il dispiegamento di guardie armate private a bordo di navi e l’adozione di misure difensive da parte dei mercantili hanno frenato l’attività.

(con fonte Defenceweb)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/25/il-ritorno-dei-pirati-somali
Twitter