Giustizia

Mense carceri emiliane, Dap anticipa stipendi dei dipendenti ditte esterne

Saranno anticipati dall’Amministrazione Penitenziaria gli stipendi dei dipendenti che lavorano nelle mense degli istituti dell’Emilia Romagna non pagati dalla società che gestisce il servizio di ristorazione. Alla vigilia della ulteriore giornata di sciopero del personale della Unilabor, proclamata dalle organizzazioni sindacali per domani 6 febbraio, il Provveditorato regionale per l’Emilia Romagna e Marche ha attivato infatti la procedura prevista in questi casi come extrema ratio e finalizzata al pagamento delle competenze insolute dei dipendenti, con successiva rivalsa sulla società esecutrice dell’appalto.

Ai dipendenti della ditta sarà richiesto, a cura di ogni istituto penitenziario, di produrre una dichiarazione degli importi delle retribuzioni non corrisposte distinte per mensilità, copia del contratto di lavoro, nonché il proprio codice IBAN bancario o postale. Nel più breve tempo possibile, all’esito dell’acquisizione della documentazione richiesta e degli accertamenti dovuti dalla procedura attivata, saranno bonificati i pagamenti arretrati.

Non solo. In previsione dell’astensione proclamata per domani dalle rappresentative di CGIL, CISL e UIL, il PRAP di Bologna ha immediatamente inviato alla Unilabor una diffida a garantire comunque, come previsto nel capitolato d’appalto, la continuità del servizio di somministrazione dei pasti caldi presso gli istituti di Bologna, Ferrara, Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini e la Scuola di formazione della Polizia Penitenziaria di Parma. E, contestualmente, ha invitato le direzioni interessate a provvedere, in caso di inerzia della ditta, alla fornitura al personale in servizio negli istituti di pasti alternativi, di pari valore economico e nutritivo. Anche in questa evenienza, l’Amministrazione eserciterà il proprio diritto di rivalsa nei confronti della società esecutrice dell’appalto, come previsto dal contratto per la gestione del servizio di mensa obbligatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE