Musica&Spettacolo

Sanremo. Mahmood vince l’edizione 2019 del festival

Alla fine è Mahmood con la sua ‘Soldi, soldi’ a vincere l’edizione 2019 del Festival di Sanremo. Al secondo posto Ultimo. Al terzo Il Volo. Daniele Silvestri con ‘Argentovivo’ vince il Premio della Critica intitolato a ‘Mia Martini’. Il cantautore e’ stato premiato dai giornalisti della Sala Stampa Ariston Roof. Ha ricevuto 41 voti.

La terna sul podio è stata accolta da fischi in platea e sala stampa.
E’ già il momento di tracciare un bilancio di questo Sanremo: “può piacere o non piacere, si può mettere più musica o più spettacolo, nessuno di noi potrà sapere quanto poteva essere fatto meglio, ma abbiamo fatto tutto il possibile perché il Festival restasse nel solco di quello passato”, dice ‘congedandosi’ dai telespettatori, ma forse il messaggio non è solo per loro. “Non so chi vincerà ma sicuramente – conclude – ha vinto la musica, le parole, le speranze di tanti giovani artisti. Io spero che questo solco tracciato non venga smesso perché abbiamo bisogno di un festival della musica italiana”.

“Non ci sto tipo credendo, vorrei ringraziare tutti, ringrazio mia madre”, dice Mahmood, incredulo lui stesso del primo posto. Il superospite della serata, Eros Ramazzotti canta la sua ‘Vita ce n’è’, duetta con Baglioni nel suo superclassico Adesso tu, poi con Luis Fonsi nella loro ‘Per le strade una canzone’.

Scendendo la classifica troviamo Simone Cristicchi (35) e Loredana Berte’ (12). Silvestri, con 37 voti, vince anche il Premio della sala stampa Radio-Tv-Web ‘Lucio Dalla’ e quello della giuria d’onore, presente in platea. Al secondo posto Loredana Berte’ con 30 voti, al terzo Simone Cristicchi con 28 voti. Quest’ultimo vince, invece, il Premio ‘Sergio Endrigo’ e il Premio ‘Giancarlo Bigazzi’ assegnato dall’orchestra per la ‘Miglior composizione musicale’ per la canzone ‘Abbi cura di me’. Al cantautore sono andati 85 voti espressi dagli accreditati all’Ariston Roof e alla sala stampa ‘Lucio Dalla’. Il Premio per il brano piu’ ascoltato in streaming sulla piattaforma TimMusic va ad Ultimo. Grande delusione all’Ariston Roof e tra il pubblico del Teatro per il quarto posto nella classifica generale di Loredana Berte’. I risultati sono stati accolti tra i fischi di protesta.

“Grazie mille a tutti, non ci sto proprio credendo: e’ incredibile”. E’ visibilmente incredulo Mahmood all’annuncio della sua vittoria al festival. Virginia Raffaele lo abbraccia e gli dice: “E’ tutto vero”.
Io sono italiano, nato e cresciuto a Milano. Non mi sento tirato in causa. Nel brano ho messo una frase araba che è un ricordo della mia infanzia, ma sono italiano al 100%”. Così Mahmood, vincitore del Festival di Sanremo, a chi gli chiede in conferenza stampa un commento sulle polemiche sui migranti nate fra Claudio Baglioni e il vicepremier Matteo Salvini.

Mahmood con la sua ‘Soldi’ trionfa al 69simo Festival di Sanremo. Dietro di lui si classificano Ultimo e Il Volo. I primi due in classifica in sala stampa non si sono stretti la mano e non si sono mai guardati in faccia

“Io sono italiano, nato e cresciuto a Milano. Non mi sento tirato in causa. Nel brano ho messo una frase araba che è un ricordo della mia infanzia, ma sono italiano al 100%”, ha detto il vincitore del Festival di Sanremo Mahmood, in conferenza stampa.

“Io non ho mai avuto la pretesa di venire qui a vincere, al contrario di voi, io mi sono sempre grattato ma non e’ servito a niente. I giornalisti hanno la pretesa di giudicare i prossimi venti anni”. Lo ha detto Ultimo in polemica con i giornalisti in sala stampa. “Voi – aggiunge – avete questa settimana per sentirvi importanti e avete rotto”. “La mia vittoria – aggiunge – sara’ dopo il Festival di Sanremo, i live, la gente che si riconosce in quello che scrivo. Sono contento di aver partecipato al Festival”. E aggiunge: “Sono contento per Mahmood e di aver partecipato”. Salvini? “”Se mi apprezza lui o un dentista per me non cambia niente”. “Io non ce l’ho con nessuno – aggiunge -. Semplicemente sono amareggiato”.

“Io nel momento in cui scrivo le mie canzoni e poi escono, non m’interessa se piacciono a Salvini o al fornaio o al muratore..”, commenta Ultimo in conferenza stampa al fatto che il vice premier e ministro dell’Interno avesse in precedenza scritto un post su Twitter pronosticandolo come vincitore. Una conferenza stampa in cui e’ emersa una sorta di rabbia di Ultimo, che si e’ detto amareggiato: “Io punto all’eccellenza, non al buono”. Ultimo ha avuto anche qualche espressione fuori luogo e scambio verbale acceso con i giornalisti. Poi la situazione e’ tornata alla normalita’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE