fbpx

Il sapere a portata di tutti: una proposta di legge

Print Friendly, PDF & Email

Open Access è un’espressione anglosassone che alla lettera significa “accesso aperto” ma che in realtà rivela un progetto per rendere disponibili on line a tutti in modo facile ed eguale le novità della ricerca, della scienza; insomma, “la conoscenza a portata di mouse”, un antidoto all’analfabetismo di ritorno.

Oggi tutto questo in Italia sembra possibile grazie a una proposta di legge, le cui finalità verranno esplicate il 18 febbraio 2019 – Sala del Cenacolo, Complesso di Vicolo Valdina in Roma.

La Proposta di legge su “Open Access” è stata licenziata dalla Commissione cultura della Camera ed entro febbraio 2019 entrerà in Aula. Tra i suoi punti di forza vi sono la proposta dell’istituzione del diritto di ripubblicazione, la limitazione del potere delle case editrici che vedono finalmente arginata la propria capacità di controllo, la libera circolazione del sapere e la promozione dell’accesso libero all’informazione scientifica per tutti i cittadini.
La Proposta di legge su Open Access evidenzia l’esistenza di un forte legame tra innovazione tecnologica e diffusione della conoscenza scientifica e dell’informazione culturale. Tale legame è rafforzato in larga misura anche dalla Rai-Radiotelevisione Italiana, che con il suo servizio sostiene la divulgazione scientifica a portata di tutti i cittadini. In virtù di tale funzione, il testo di legge sull’Open Access propone il potenziamento e la valorizzazione dell’informazione e della divulgazione scientifica su tutte le piattaforme ed i canali della Rai ed il sostegno della sua offerta in ambito scientifico e culturale, trasmessa attraverso l’uso delle più innovative tecnologie a disposizione. Ci riferiamo, in particolare, ai sistemi 4k e 8k, che offrono la possibilità di accedere a contenuti culturali e scientifici capaci di coinvolgere il pubblico in una vera e propria esperienza sensoriale, visiva ed uditiva. Parliamo di quelle che sono tecnologie che la Rai consolida giorno dopo giorno, lavorando a produzioni sempre più complesse e capaci di sfruttare tutto il potenziale delle sopracitate tecnologie.


L’evento rappresenta l’occasione di valorizzare anzitutto il lavoro portato avanti dalla Commissione Cultura per la modifica del quadro normativo in cui si rende effettivo il sistema di accesso aperto alla conoscenza nel nostro Paese; verranno descritte tutte le ricadute positive dell’accesso aperto sul mondo della cultura, della scienza, della ricerca e della divulgazione scientifica. Si valorizzerà, inoltre, il contributo della Rai alla diffusione della conoscenza e l’impegno posto nella costante ricerca delle migliori tecnologie, al fine di offrire produzioni di alto valore per il pubblico. Verranno mostrati alcuni esempi di produzioni realizzate con le tecnologie 4k e 8k.

Data e luogo dell’evento: 18 febbraio 2019 – Sala del Cenacolo, Complesso di Vicolo Valdina
Parteciperanno:
• Luigi Gallo, Presidente della VII Commissione Cultura della Camera
• Vito Crimi, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio
• Paolo Lattanzio, membro della VII Commissione Cultura della Camera, relatore in Commissione del provvedimento sull’Open Access
• Prof. Roberto Caso, Università di Trento – Associazione Italiana per la Scienza Aperta
• Fabrizio Salini, Amministratore Delegato – Rai
• Luigi Rocchi, Direttore Strategie Tecnologiche – Rai
Modera:
• Prof. Antonio Uricchio, Rettore dell’Università di Bari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/02/15/il-sapere-a-portata-di-tutti-una-proposta-di-legge
Twitter