fbpx

Pressing di Tria per la tav, ‘o nessuno investira’ da noi’

Print Friendly, PDF & Email

L’obiettivo è non perdere i 300 mila euro di finanziamenti europei e anzi chiederne alla Commissione Ue altri 500 affinche’ i lavori sulla Tav possano andare avanti. Dopo le elezioni in Sardegna la Lega e’ intenzionata a rilanciare sul tema delle infrastrutture, a cominciare dallo ‘sblocca cantieri’ e in particolare sulla Torino-Lione. Al momento però sulla questione della Tav resta lo stallo. Il nodo potrebbe sciogliersi in settimana con un vertice di governo. Il compromesso che arriva dal Carroccio – ovvero di una mini-Tav – non convince gli alleati. “E’ una supercazzola”, ha spiegato Di Maio. Supportato al ministro Toninelli.

“ll problema – ha spiegato il ministro dell’Economia, Tria – non e’ la Tav, e’ che nessuno verra’ mai a investire in Italia se il Paese mostra che un governo che cambia non sta ai patti, cambia le leggi e le fa retroattive. Bisogna portare avanti l’economia italiana”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/02/26/pressing-di-tria-per-la-tav-o-nessuno-investira-da-noi
Twitter