Cronaca

Poker online, quali sono i cambiamenti attesi per il 2019?

Sono in tanti a chiedersi cosa potrebbe succedere al mondo del gioco d’azzardo dopo che il Governo Conte ha dato attuazione al Decreto Dignità, convertito in legge ad agosto dello scorso anno. Sembra che il tema sia stato rimesso al centro del dibattito non solamente dai politici, ma anche da parte di tanti giornali. Cerchiamo di capire meglio, però, cosa contenga effettivamente il decreto legato al gioco d’azzardo e al mondo dei casinò online, come netbet.it, che offrono scommesse sportive, poker online e tanti altri giochi.

Il divieto di pubblicità. Una delle certezze è legata al divieto alla pubblicità per tutti i portali di casinò digitale e per il betting online, visto che è stato prorogato fino al 14 luglio di quest’estate. Il principale problema, però, è legato ancora alla definizione di gioco della dicitura di gioco d’azzardo. Nello specifico, l’attenzione in Italia è legata alla variante del poker denominata Texas Hold’Em, che è diventata particolarmente famosa nel corso degli ultimi 10-15 anni. Ebbene, stando a quanto è stato riferito dalla Cassazione, il Texas Hold’Em Poker non rientra nel gioco d’azzardo. Si tratta di una novità molto importante, che va a premiare quanti avevano già portato alla ribalta questa particolare tematica, ossia la differenziazione che deve necessariamente intercorrere tra gioco di abilità e gioco d’azzardo.

Tra lotterie e giochi, le questioni da risolvere. All’interno della categoria del gioco d’azzardo, invece, sarebbero presenti tanti altri giochi che lo Stato difende a spada tratta, come ad esempio le lotterie e i gratta e vinci. Sono tanti i dubbi e i casi-limite che dovrebbero essere presi in considerazione, ma probabilmente ci vorrebbe un approfondimento dedicato per snocciolarli tutti.

Gioco interattivo e nuove tecnologie. È chiaro come l’evoluzione della tecnologia abbia avuto delle ripercussioni ben precise anche nell’ambito del poker e di tanti altri giochi (di abilità e d’azzardo). Al tempo stesso, anche l’evoluzione della società e delle esigenze dei consumatori finali porta inevitabilmente a cambiare anche il modo di approcciare al poker. Soprattutto a quello online, visto che tanti tornei sul web necessitano di un impegno considerevole, almeno per quanto riguarda il tempo da dedicarci. Ecco spiegata la ragione per cui il poker online potrebbe essere inteso in una concezione davvero molto innovativa, con il lancio di una nuova versione snap. In poche parole, si tratta di partite di breve durata, che riguardano sia il poker classico che le diverse varianti più diffuse come il Texas Hold’Em. La principale caratteristica di questo nuovo approccio è legata alla durata, visto che ogni partita durerà meno di cinque minuti. Una proposta innovativa che, con ogni probabilità, non importerà più di tanto ai giocatori più esperti, ma potrebbe affascinare notevolmente le nuove generazioni. Quindi, il successo di questa nuova e più stringata versione del poker potrebbe essere un bel trampolino di lancio per affascinare sempre più giovani. Una novità che ovviamente verrà messa a disposizione dai tanti portali che offrono questo tipo di servizi e una visione totalmente differente del gioco del poker, in una veste totalmente nuova, più digitale e interattiva che mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE