fbpx

Conte sulla tav: ‘valuteremo nuova analisi costi-benefici’

Print Friendly, PDF & Email
In un colloquio con la Stampa, il premier Giuseppe Conte parla del nodo della Tav e del supplemento di analisi, spiegando che ‘se dovesse emergere qualche profilo di quella valutazione costi-benefici che merita approfondimento chiedero’ agli esperti che hanno redatto quella relazione e, in piena trasparenza, condurremo questo percorso e comunicheremo il risultato’. Sul rapporto con la Francia, afferma che ‘la stabilizzazione della Libia e’ un cammino concreto che passa anche dal rafforzamento dell’intesa tra Italia ed Emirati Arabi Uniti e sulla consapevolezza di una opportuna convergenza anche tra Roma e Parigi’. In una lettera a Repubblica, Conte torna invece sulla messa in sicurezza del territorio e sul Piano presentato due giorni fa: ‘Abbiamo voluto chiamarlo ProteggItalia, perche’ lo consideriamo una vera e propria ‘terapia del nostro territorio’.

“Ponti ha fatto un supplemento di integrazione, io ho semplicemente detto che se fosse necessario, una volta riuniti intorno al tavolo con i ministri competenti e con dossier e documenti alla mano, potremmo chiedere un supplemento di indagine”, dice il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in un colloquio con La Stampa, a proposito della Tav: “Se dovesse emergere qualche profilo di quella valutazione costi-benefici che merita approfondimento chiedero’ agli esperti che hanno redatto quella relazione e, in piena trasparenza, condurremo questo percorso e comunicheremo il risultato”. Nel colloquio Conte parla del rapporto con la Francia: “La stabilizzazione della Libia e’ un cammino concreto che passa anche dal rafforzamento dell’intesa tra Italia ed Emirati Arabi Uniti e sulla consapevolezza di una opportuna convergenza anche tra Roma e Parigi”. In Libia “non bisogna limitarsi esclusivamente agli interessi economici ma dobbiamo evitare pericoli prossimi, tra flussi migratori, traffici illeciti di tutti i generi e minaccia terroristica che potrebbero avere una escalation”. “Al momento con Parigi c’e’ convergenza di obiettivi e un aggiornamento costante”, assicura il premier: “I nostri due Paesi hanno continuato a lavorare a tutti i livelli sul dossier libico, dall’intelligence in poi, non c’e’ divergenza sulla necessita’ di pervenire quanto prima alla stabilizzazione della Libia”. In una lettera a Repubblica, Conte torna invece sul tema della messa in sicurezza del territorio, della lotta al dissesto idrogeologico e della prevenzione del nostro Paese: il Piano nazionale per la sicurezza del territorio, presentato due giorni fa, “‘mette a sistema’, riportando a unita’, una miriade di norme, interventi e risorse che fino ad oggi risultavano sparse. Abbiamo voluto chiamarlo ProteggItalia, perche’ lo consideriamo una vera e propria ‘terapia del nostro territorio’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/03/01/conte-sulla-tav-valuteremo-nuova-analisi-costi-benefici
Twitter