Economia e Finanza

Fisco, domande per ‘saldo e stralcio’ delle cartelle

LE ADESIONI ANCHE ONLINE SUL SITO DELLE ENTRATE-RISCOSSIONE

Il ‘saldo e stralcio’ delle cartelle fiscali da oggi si puo’ fare online, direttamente dal sito web dell’Agenzia delle Entrate- Riscossione. Il nuovo servizio ‘fai da te’ e’ accessibile da pc, smartphone o tablet, serve per presentare la domanda di adesione al provvedimento contenuto nella legge di Bilancio che finora ha fatto registrare 22mila richieste inviate per posta elettronica certificata o presentate allo sportello.

Da oggi è possibile presentare online la domanda di adesione al saldo e stralcio delle cartelle previsto in manovra. Sul sito web dell’Agenzia delle entrate parte il nuovo servizio ‘fai da te’ accessibile da pc, smartphone o tablet. Lo comunica in una nota la stessa Agenzia delle entrate, specificando che ad oggi il saldo e stralcio ha fatto registrare circa 22mila richieste inviate tramite posta elettronica certificata o presentate allo sportello. Il ‘saldo e stralcio’ – ricorda la nota – è riservato alle persone fisiche in situazione di grave e comprovata difficoltà economica e consente di pagare in forma ridotta i debiti fiscali e contributivi, affidati alla riscossione dal 2000 al 2017 (derivanti esclusivamente dallomesso versamento delle imposte dovute in autoliquidazione in base alle dichiarazioni annuali e dei contributi previdenziali spettanti alle casse professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi Inps), con una percentuale che varia dal 16 al 35 per cento dellimporto dovuto già ‘scontato’ delle sanzioni e degli interessi di mora. Il termine entro il quale va presentata la domanda è fissato al 30 aprile 2019. Secondo la legge versano in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica le persone fisiche con Isee (Indicatore della situazione economica equivalente) del nucleo familiare non superiore a 20mila euro, oppure per le quali, alla data di presentazione della dichiarazione di adesione, risulti già aperta la procedura di liquidazione prevista dalla cosiddetta legge sul sovraindebitamento (articolo 14-ter della legge 27 gennaio 2012, n. 3). Rientrano nellagevolazione anche i contribuenti che, nel rispetto dei requisiti in termini di Isee e per le sole tipologie di debiti previste dalla legge, hanno aderito alle precedenti rottamazioni delle cartelle previste dal dl n. 193/2016 e dal dl n. 148/2017 indipendentemente o meno dal pagamento di alcune rate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE