fbpx

Duro colpo alla camorra: scovato il superlatitante Marco Di Lauro

Print Friendly, PDF & Email

Dopo anni di indagini, esultanza delle forze dell’ordine e del titolare del Viminale per il risultato eccelso raggiunto con l’arresto del camorrista Di Lauro, latitante dal 2004

di Monica Montanaro

Importante colpo assestato all’organizzazione mafiosa campana, la camorra del gruppo criminale-mafioso dei Di Lauro. Nella giornata di ieri, dopo anni di ricerche investigative, le forze dell’ordine hanno condotto un’operazione congiunta tra Polizia e Carabinieri che ha portato ad un brillante esito, la cattura di uno dei maggiori superlatitanti sul territorio italiano, alias Marco Di lauro, il quale si nascondeva nella stessa zona di cui è originario e in cui la sua famiglia, di stampo camorristico, ha da sempre espletato il suo ruolo egemone nel mondo mafioso, dedita alla conduzione dei suoi affari illeciti.

Di Lauro è stato rintracciato in un appartamento sito in via Emilio Scaglione, nel quartiere di Chiaiano alla periferia nord di Napoli.

Al momento del suo arresto il ricercato non ha avuto alcuna reazione inconsulta e ha mantenuto la calma non dichiarando alcunché, non ha quindi opposto resistenza al lavoro degli uomini delle forze dell’ordine.

Una breve biografia del Di Lauro: nato nel 1980, quarto figlio di Paolo Di Lauro, soprannominato “Ciruzzo o’milionario”, a capo della famiglia camorristica napoletana di Secondigliano, era latitante dal 2004, compariva nella lista dei 30 latitanti più pericolosi divulgata dal Viminale. L’accusa pendente su Di lauro, e per la quale era ricercato da lungo tempo, è quella del reato di associazione di tipo mafioso e altri reati, inoltre dal 2006 era stato emesso un ordine di cattura diramato a livello internazionale.

Subito dopo la notizia dell’arresto è giunta pronta la reazione soddisfatta del questore di Napoli, Antonio De Jesu, il quale uscendo dal suo ufficio ha voluto immediatamente manifestare la sua riconoscenza andando incontro ai suoi uomini della Polizia, ma anche per ringraziare la parte “concorrente” dell’Arma dei Carabinieri, con la quale è stata effettuata l’operazione. Il questore ha asserito pubblicamente che l’operazione congiunta è stata condotta efficientemente concludendosi nel migliore dei modi anche perche: “Marco di Lauro non era armato e non ha opposto resistenza”.

Altre dichiarazioni ufficiali giungono dal comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli, il colonnello Ubaldo Del Monaco, che ha espresso il suo parere tecnico in merito all’operazione appena conclusasi, precisando che l’azione è stata espletata tramite il coordinamento della Dda di Napoli diretta dal procuratore Melillo. Del Monaco ha rilasciato una dichiarazione pubblica dinanzi ai media, affermando: “Siamo contenti”.

La notizia dell’arresto del superlatitante Marco Di Lauro è stata tempestivamente annunciata e diramata con ufficialità ai media nazionali e internazionali dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, il quale estremamente entusiasta per tale efficace risultato, non si è risparmiato nell’elargire complimenti all’ordine delle forze di Polizia e a quelle dei Carabinieri, asserendo: “Dopo l’arresto di un terrorista algerino dell’Isis mettono a segno un’altra operazione importantissima. Nessuna tregua ai criminali”, ribadisce orgogliosamente e con determinazione il titolare del Viminale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/03/03/duro-colpo-alla-camorra-scovato-il-superlatitante-marco-di-lauro
Twitter