Sanità

Burioni: “Minacciato dai no vax”

“Sono stato minacciato dai no-vax, ma sono cresciuto negli anni ’70 e non mi sono spaventato e ho fatto il mio dovere di medico e padre”. Ad affermarlo all’Adnkronos Salute è Roberto Burioni, virologo dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, a margine dell’evento ‘True news, good news – Salute e informazione: quando la verità è più di un consiglio’ promosso a Roma dall’Adnkronos con il contributo di Takeda Italia. Burioni da diversi anni è diventato il punto di riferimento sui social, con un sito ‘ad hoc’ e con un manifesto firmato fra gli altri da Matteo Renzi e Beppe Grillo, delle battaglie a favore della scienza e dei vaccini.

“C’è stato un cambiamento molto positivo e una maggior coscienza dell’importanza delle vaccinazioni e di una informazione corretta – ha aggiunto Burioni -. Questo dopo tanti anni di discesa continua delle vaccinazioni: l’Italia aveva una copertura per il morbillo più bassa del Ghana, ora la tendenza si è invertita perché tutti abbiamo lavorato meglio, dai medici ai giornalisti”.
Ho iniziato tre anni fa – ricorda il virologo – discutendo di vaccini con Red Ronnie e Eleonora Brigliadori. Questo non succede più, perché gli italiani hanno preso coscienza e hanno preso posizione. Noi abbiamo un passato non proprio positivo, pensiamo al caso Di Bella e a quello Stamina. Situazioni in cui lo Stato ha barcollato con troppa accondiscendenza nei confronti dei ciarlatani. L’unica cosa che noto è che l’obbligo vaccinale per l’iscrizione a scuola è applicato a macchia di leopardo e questo – spiega – non va bene”.

Oggi le case farmaceutiche hanno sui social una reputazione peggiore dei produttori delle mine antiuomo“, ha continuato Burioni nel suo intervento all’evento ‘True news, good news – Salute e informazione: quando la verità è più di un consiglio’, aggiungendo: “Mi ha stupito, in questi anni in cui mi sono confrontato con la divulgazione scientifica sui social, la difficoltà di comunicare il loro ruolo, hanno perso il treno della comunicazione al paziente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE