fbpx

Avevo ragione: Severgnini è un misogino inconsapevole

Print Friendly, PDF & Email

Su “Italians – Corriere della Sera” del 1 dicembre 2016, scrivevo: “Purtroppo, a pubblicare per l’ennesima volta simili intelligenti interventi, è stato Beppe Severgnini, che perde il pelo ma non il vizio. Dice continuamente di non essere misogino, ma lo è inconsapevolmente”. L’intelligente intervento era l’ennesima lettera scritta da un lettore misogino.

Il 12 marzo di quest’anno scrivevo su Il Corriere Nazionale: Ora, sapete voi quante volte ho pregato Beppe  Severgnini di non pubblicare lettere di misogini, offensive verso le donne, e per di più sciocche? Niente da fare. Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Misogino anche il simpatico Beppe? Forse inconsapevolmente misogino.

Ed ecco che cosa ha scritto la giornalista Claudia Sarritzu tre giorni fa: “In fondo ce la cerchiamo: per Severgnini la colpa è delle donne che si fanno scattare foto porno

Ha scritto un pezzo senza rendersene conto in linea con una tendenza culturale che affligge da secoli il mondo femminile suggerendo all’opinione pubblica che quando a una donna capitano cose spiacevoli in fondo «se l’è cercata»” (Globalist 17 marzo).

E la giornalista ha mille ragioni, giacché Severgnini, riguardo alla vicenda accaduta a Giulia Sarti, ha scritto: “Certe fotografie non si scattano: punto”.

E bravo Severgnini, lo vada a dire anche alla ragazzina di Lodi che ha tentato il suicidio: “Certe fotografie non si scattano: punto”. La farà felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/03/20/avevo-ragione-severgnini-e-un-misogino-inconsapevole
Twitter