Cronaca

Cesare Battisti ammette i 4 omicidi davanti al pm

Cesare Battisti, l’ex terrorista dei Pac arrestato a gennaio dopo quasi 40 anni di latitanza, ha ammesso per la prima volta, davanti ai pm di Milano Alberto Nobili, di essere responsabile dei 4 omicidi per cui e’ stato condannato: ‘Mi rendo conto del male che ho fatto e chiedo scusa ai familiari delle vittime’. In sostanza, tutto quello che e’ stato ricostruito nelle sentenze definitive sui Pac, ‘corrisponde al vero’, dice Nobili, aggiungendo che l’ex terrorista ha parlato solo delle sue responsabilita’. Si apre il dibattito su eventuali benefici che possano derivare dalle ammissioni di Battisti. Allarme dei parenti delle vittime.

Nel suo primo interrogatorio davanti a un magistrato italiano, Cesare Battisti ha confessato tutti e 4 gli omicidi e le 3 gambizzazioni di cui è accusato, riconoscendo di essere l’esecutore materiale di due omicidi e una gambizzazione. “Ho capito il male che ho fatto alle vittime. Chiedo scusa alle loro famiglie”, ha inoltre affermato l’ex terrorista dei Pac, gruppi proletari armati per il comunismo. È stato il pm Alberto Nobili a volare in Sardegna per interrogare Battisti, arrestato a fine gennaio in Bolivia e ora detenuto nel reparto di massima sicurezza del carcere di Oristano. La svolta è arrivata dopo 9 ore di faccia a faccia, divise tra le giornate di sabato e domenica: “È stata la prima volta in assoluto che Cesare Battisti ha reso dichiarazioni su questi fatti”, ha evidenziato il pm della procura di Milano, ricordando che l’ex terrorista “era già latitante, quando fu emesso l’ordine di cattura” e perciò “non era mai stato interrogato”. Anche per questo, “era tangibile il suo disagio a ricostruire il suo passato dopo 37 anni di latitanza”. “Ammetto tutto. Ma non farò il nome di nessuno per scelta personale”, ha dichiarato Battisti. Ammissioni che secondo il magistrato non hanno niente a che vedere con la possibile concessione di eventuali benefici penitenziari. “Non è stato pentimento. È stata un’importatissima ammissione di colpevolezza da parte di una persona che ha barato per molti anni. Battisti si è sempre proclamato innocente, difendendosi dietro l’immagine di perseguitato politico, e ha sempre tentato di demolire apparato giudiziario italiano”, ha concluso Nobili.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE