Interviste & Opinioni

La delusione dei nostalgici delle mammane 

I nostalgici delle mammane, del prezzemolo e dei cucchiai d’oro che circolavano nella splendida città di Verona, saranno rimasti delusi quando il loro amatissimo ha affermato che la Legge 194 non si tocca. Si saranno sentiti traditi. Ma guardate, signori nostalgici, che il vostro amato ministro, come tutti, è contro l’aborto. A nessuno piace l’aborto, neppure alle donne che abortiscono piace l’aborto. Per nessuno l’aborto è cosa buona.

Si dà il caso però che alle volte per una donna l’aborto diventi una necessità, altre volte è una necessità per l’embrione stesso, qualora, ad esempio, sia portatore di gravissime malformazioni. Avete mai sentito parlare di una norma morale secondo la quale tra due mali inevitabili è giusto scegliere il male minore? Ecco, la Legge 194 è stata la scelta del male minore. Negare alle donne la possibilità di abortire, oppure addirittura come auspicava Giovanni Paolo II (cfr Evangelium vitae) ripristinare leggi punitive, non sono il male minore.   Non sono le mammane o i cucchiai d’oro e tanto meno il carcere, il male minore.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE