Sport

Lecce, vittoria e primo posto

Il Lecce supera per 3-1 il Cosenza e vola al primo posto in classifica, 54 punti insieme al Brescia. I salentini vincono la terza gara consecutiva in 12 giorni al Via del mare e continuano a sognare la promozione diretta in serie A. Un Lecce superlativo che non si ferma più, capace di riprendere le forze e trovare le opportune motivazioni durante una gara difficile, molto ben preparata dal Cosenza di mister Braglia.
Ospiti subito in vantaggio con Garritano al 2° minuto di gioco, ma immediatamente raggiunti dopo tre minuti dalla giocata vincente di Tabanelli con un gol d’applausi. Al 15’ del secondo tempo il solito La Mantia sigla il 2-1. Cinque minuti dopo ancora La Mantia sigla il definitivo 3-1 al termine di una splendida azione corale della squadra di Liverani. 15° gol in campionato per l’attaccante giallorosso.

Le formazioni. Lecce schierato col 4-3-1-2 ed in campo Vigorito; Venuti, Lucioni, Marino, Calderoni; Petriccione, Arrigoni, Tabanelli; Mancosu; La Mantia, Falco. Il Cosenza di Braglia col 3-5-2 mette tra negli undici titolari Perina; Capela, Dermaku, Legittimo; Bittante, Bruccini, Garritano, Mungo, D’Orazio; Tutino, Embalo.

Primo tempo. Pronti, via, e Cosenza subito in vantaggio. Su suggerimento di Tutino, Garritano sorprende alle spalle la difesa del Lecce e segna il gol del 0-1. L’esultanza dei calabresi dura pochi minuti, perché già al 5’ Tabanelli acciuffa il pari con un tiro velenoso dalla distanza. Al 18’ La Mantia svetta in area su suggerimento di Falco, Perina blocca la conclusione su colpo di testa troppo centrale. La formazione allenata dall’ex Braglia si difende bene e non disdegna veloci ripartenze che mettono spesso in affanno la difesa del Lecce. Per i calabresi, Embalo pare essere l’uomo in più, quello che insieme a Tutino riesce a saltare l’uomo e a creare la superiorità numerica.

Secondo tempo. Dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato, la ripresa si apre senza cambi, ambo le parti: Mancosu al minuto quarantotto spaventa la retroguardia calabrese con un tiro potente da fuori area. Fuori Embalo e dentro Maniero per il Cosenza, anche il Lecce mescola le carte, in campo Tachtsidis e fuori Arrigoni. L’ingresso del greco produce subito effetti positivi per il centrocampo leccese. Non a caso, parte dai suoi piedi, e da quelli del compagno di reparto Petriccione, il gol del vantaggio: La Mantia non perdona ed è 2-1. Braglia cambia l’autore del gol Garritano per Palmiero. Ma, al 63’, La Mantia sigla il 3-1 al termine di una splendida azione che fa esplodere il Via del Mare. La partita finisce virtualmente qui, perché gli ospiti accusano il colpo e non riescono più a contenere il gioco dei padroni di casa, che controllano agevolmente la gara fino al fischio finale.

Queste le parole del tecnico del Lecce Fabio Liverani a fine gara: “I ragazzi meritano questo primo posto. Godiamoci questo bel momento. Dopo l’errore sul primo gol i ragazzi sono stati bravi a riprendere la partita sono stati perfetti nelle preventive; nella prima mezz’ora siamo andati in difficoltà, poi il pareggio ci ha ridato linfa e il secondo tempo è stato senza storia. Arrigoni? Andrea ha fatto una buona partita. Tachtsidis, ovviamente, è un altro calciatore e le caratteristiche in campo sono diverse: è entrato con grande personalità e fisicità e ci ha dato un aiuto importante in campo. Abbiamo fatto nove punti importanti in tre partite, ma i numeri lasciano il tempo che trovano. Pensiamo alla prossima partita. Questo è un Lecce perfetto? Credo dell’unione e nel gruppo, il merito è di tutti, staff e società”

IL TABELLINO

LECCE: Vigorito; Venuti, Lucioni, Marino, Calderoni; Tabanelli, Arrigoni (59′ Tachtsidis), Petriccione; Mancosu; Falco (81′ Majer), La Mantia (73′ Palombi). A disposizione: Bleve, Riccardi, Di Matteo, Cosenza, Haye, Saraniti, Felici, Pierno. Allenatore: Liverani.

COSENZA: Perina; Capela, Dermaku, Legittimo; Bittante, Mungo, Bruccini, Garritano (62′ Palmiero), D’Orazio; Tutino (75′ Baez), Embalo (59′ Maniero). A disposizione: Quintiero, Saracco, Schetino, Sciaudone, Trovato, Hristov. Allenatore: Braglia.
Marcatori :2′ Garritano (C), 5′ Tabanelli (L), 60′ La Mantia (L), 64′ La Mantia (L)
Arbitro: Francesco Guccini di Albano Laziale (Dei Giudici-Schirru; IV Marchetti).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE