Scienza&Tecnologia

Disegnare il  futuro della mente.

Disegnare il  futuro della mente. la scienza studia come potenziare il nostro cervello

Paolo Manzelli – Riflessioni sul Seminario  EGOCREANET-Cluster 2019 .

https://youtu.be/-XNC4Ykovs8

→ Il riduzionismo del paradigma meccanico della scienza ci ha condizionati a pensare ed a osservare il mondo materiale esterno con modalita utili per dare sviluppo a macchine e tecnologie della comunicazione digitale contemporanea . La Domanda “Cosa è la Vita e come si evolve nelle dimensione interiore biologica e relazionale dell’ uomo e della donna, non  ha avuto la stessa attenzione scientifica, cosi che grave è divenuto il rischio che le masse  di persone che vivano nell’ era  della industria 4.0,si trovino culturalmente dissociati dal processo di avanzata de-materializzazione della economia , la dove digitalizzazìone verra’ strutturata in forma “5G” delle comunicazioni unificate tra uomini , macchine robots: Pertanto e possibile prevedere che le persone impreparate a riflettere su la importanza di questo imminente cambiamento tecnologico , rimangano condizionate dalla prassi della innovazione tecnologica fino a regredire nelle potenzialita evolutive dello sviluppo della intelligenza e creativita naturali dell’ uomo e della donna.

Il paradigma meccanico-materialista che è stato storicamente acquisito come dimensione scientifica e culturale paradigmatica durante tutta nella epoca industriale (1600 -1900)  in tutta evidenza  oggi è in profonda crisi di identita’, proprio  in quanto ad iniziare dalla concezione quantistica il fondamento concettuale del  dualismo ipotizzato da Newton e Kant  basato sulla separazione tra “soggetto ed oggetto della osservazione” ha progressivamente perso il suo carattere assiomatico assumendo un carattere di indeterminazione ( 1927- Heisemberg) .

https://studylibit.com/doc/3742713/paolo-manzelli—scienza-e-arte

Egocreanet , ONG in Firenze, si e proposta di favorire una inversione della  tendenza a mantenere inalterato il “Paradigma Meccanico” in quanto ormai è da considerarsi un riferimento cognitivo deviante lo sviluppo creativo contemporaneo della mente, in quanto essendo obsoleto, rischia di condurre l’ Umanita’ verso un massivo  de-potenziamento  della qualita consapevole dell’ intelletto ancora costretto ad apprendere .passivamente i fondamenti riduzionisti dalla struttura logica della scienza meccanica classica che oggigiorno viene è inclusa in macchine ad automi privi di coscienza.

Al seminario di studi e ricerca su “Anticipazione di n Futuro Migliore “ Firenze 30.03.2019 , abbiamo in prima istanza posto  in evidenza come oggi  il mito della oggettivita’ della percezione sia e ormai sconfitto proprio in funzione dalla immersione nella “Realta Virtuale” e degli sviluppi della “Intelligenza Artificiale” ,

Un androide è un robot dall’aspetto esteriore umano,che maschera una struttura meccanica contenente un computer in una scatola di metallo dotata una ampia possibilita di elaborazione digitale di dati di informazione che lo rendano in grado di interagire con l’uomo, quasi come fosse un suo simile.

Questa similitudine determina certamente una prospettiva futura nella quale il rapporto dell’ uomo con la realta’ sociale dello sviluppo tende profondamente a cambiare, sia nella dimensione del lavoro che della organizzazione economica e manageriale della impresa. Questa nuova dimensione a cui tende la nuova rivoluzione industriale 4.0, dobbamo considerarla una opportunita’ , perché il cambiamento di ottica dello sviluppo tende contemporaneamente a favorire nuove opportunita di ristrutturazione evolutiva della cultura e della scienza piu’ aperte e congeniali a favorire benefits sociali ed economici derivanti dalla promozione delle potenzialita innovative dell’ immaginazione umana e della creativita artistica.

Pertanto il Cluster Egocreanet ha assunto ll compito di attuare e diffondere una elevazione di coscienza dei giovani allo scopo di trasformare la condizione di incertezza derivante da la interazione contemporanea tra reale e virtuale per la quale non esiste più la netta distinzione derivante dal  “dualimo tra il vero  il falso” che è stata indotta arbitrariamente  dalla supposta netta separazione tra soggetto  ed oggetto della percezione .

http://www.corrierenazionale.net/2019/03/09/l-isola-che-non-c-e/

In particolare i giovani mediante la intensiva utilizzazione dei media-interattivi oggi si rendono conto della impossibilita duale di distinguere nettamente “tra il vero il falso” nella risoluzione di problemi complessi che si presentano nella loro vita . Di conseguenza si assiste ad una accelerazione della riconversione della rappresentazione della realta’ percepita che a prima vista appare caotica ma che di fatto ha la intrinseca possibilita’ di superare definitivamente la obsoleta concezione del paradigma materialistico/meccanico con cui si separa la visione ideale ed immaginaria come qualita’ trascendente dalla realta operativa dallo classico  sviluppo quantitativo della produzione materiale della impresa meccanica tradizionale.

Pertanto si innesca nella mente dei piu’ giovani unnuova dimensione della capacita innovativa orientata a disegnare una nuova visione del loro futuro nella quale la creativita rendera’ possibile realizzare un radicale cambiamento culturale proprio in quanto quelle concezioni che nel quadro del paradigma meccanico si opponevano come “reale ed irreale” oggi ritrovano una soluzione innovativa proprio in funzione del superamento di tale dicotomia.

Iean Baudrillard “Non c’è più né finzione né realtà, l’iperrealtà le abolisce entrambe.”

Intervista:  http://www.mediamente.rai.it/home/bibliote/intervis/b/baudrillard.htm

Il primo seminario Egocreanet Cluster 2019, incluso nelle iniziative della Commemorazione del 500.anno dalla morte di Leonardo da Vinci , ha visto questa occasione storica come motivazione essenziale di rinascita della creativita contemporanea in una dimensione altamente consapevole e cosciente .

Di conseguenza ci siamo interrogati su come trasformare questo primo seme in una progettazione di fattibilita’ operativa riguardante la formazione trans-disciplinare nella intenzione di favorire di nuove opportunita’ professionali e trends di sviluppo indirizzate al “Futuro del Turismo” viste in stretta relazione alle necessita di  trasformazione socio economica ed ecologica messe in evidenza dagli interventi degli importanti  leaders che hanno trattato ,durante il Programma de Seminario, i temi riguardanti i fondamenti strategici del cambiamento.

Un primo approccio sul “futuro professionale del turismo” lo abbiamo messo in evidenza ed abbozzato come impegno di orientamento innovativo della formazione dei giovani  in una preliminare riunione con Paolo Pestelli della Direzione di “Plus-Planet-Com” , concessionaria della sede dove abbiamo  organizzato il Seminario su “Anticipazione di un Futuro Migliore”.

(http://www.theplusplanet.com/informazioni-societarie/

La sfida essenziale del Progetto di formazione sul tema :“NEW DESIGN of TOURISM-FUTURE“ è quella di correlare l’ asset strategico della “formazione futura del turismo” nel quadro di una rinnovata dimensione culturale emergente del cambiamento eco-economico contemporaneo .

Future Tourism: Political, Social and Economic Challenges (Advances in Tourism)

https://www.amazon.com/dp/0415509025/ref=rdr_ext_tmb

La formazione e aggiornamento dei profili professionali verra’ associata alla rivoluzione di prospettiva della ricerca e sviluppo e del trasferimento della innovazione delle conoscenze che è quella propria nell’ era della “Industria 4.0”  Questa risoluzione  ci appare di grande rilevanza proprio al fine di favorire la tendenza che caratterizza la “Vision di Cambiamento” recentemente sollecitata dal movimento dei giovani denominato <Fridays for Future>, proprio in seguito al crescente impatto del turismo mondiale sugli aspetti locali della crescita culturale contemporanea .

Infine sulla base di questa primo approccio degli obiettivi del Progetto sul Futuro del Turismo, realizzeremo il partenariato necessario per correlare i contenuti trans-disciplinari della innovazione formativa alla prospettiva condivisa dello sviluppo futuro della industria culturale contemporanea al fine di rimodulare ed avviare nuove eventualita’ di avanzamento ed aggiornamento professionale  del Turismo.

Il Progetto “New Design for Tourism Future “ finalizzato alla crescita del capitale sociale ed umano, potra essere inserito nel quadro dei programmi di programmi di riconversione, ristrutturazione aziendale e re-industrializzazione della Regione ad es Burt: 2019-2020 ovvero nell’ ambito della programmazione della innovazione della Ricerca ed Innovazione Educativa Nazionale e/o Europea .

http://www.regione.toscana.it/cittadini/formazione-professionale/formazione-4.0

http://www.regione.toscana.it/-/avviso-per-la-formazione-continua-per-l-industria-4-0

Quanti ritengano di essere interessati a collaborare per realizzare  il Progetto Egocreanet-Cluster “New Design for Tourism-Future “ potranno contattare per e mail  :

Paolo Manzelli egocreanet2016@gmail.com  , e Marcello Traversi traversimarcello@gmail.com

Firenze 06/04/2019 Firenze .

NB >> Iscrizione, collaborazione volontaria allo sviluppo progettuale 2019 di Egocreanet-Cluster: http://www.egocrea.net/2019/01/15/adesione-al-cluster-egocreanet

PS>>. Donazioni a Egocreanet -: :

https://www.retedeldono.it/it/progetti/egocreanet/il-iv-stato-dell-acqua


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE