Estero

La crisi politica in Venezuela

Maduro chiede all’esercito di tenersi pronto a difendere il Venezuela 

L’opposizione del Venezuela il 30 aprile ha tentato un colpo di stato. Il capo del parlamento Juan Guaidó, che si è dichiarato illegalmente presidente a interim, e i suoi sostenitori si sono radunati a Caracas davanti alla base militare di Carlota. In precedenza, Guaidó ha invitato il popolo del Venezuela e l’esercito a scendere in strada per completare l’Operazione Freedom per rovesciare il presidente legittimo, Nicolas Maduro. Il Capo dello Stato e il ministro della Difesa hanno dichiarato la lealtà delle forze armate alle autorità legittime. Le autorità hanno successivamente annunciato il fallimento del tentativo di colpo di stato e Maduro ha ordinato d’iniziare a indagare sugli eventi del 30 aprile.

In Venezuela, il 21 gennaio, sono iniziate le proteste di massa contro il presidente Maduro poco dopo il suo giuramento. Un certo numero di paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno riconosciuto Guaidó come presidente a interim. A sua volta, Maduro ha definito il capo del parlamento un fantoccio degli Stati Uniti. La Russia, la Cina, la Turchia e un certo numero di altri paesi hanno sostenuto Maduro come presidente legittimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE