Senza categoria

Sea Watch contro la Marina

“La nave P492 Bettica della Marina Militare Italiana si trova vicino a un gommone in pericolo con circa 80 persone a bordo ma non interviene. Il nostro aereo ha inviato un messaggio di Mayday Relay e ha confermato l’avvistamento di persone aggrappate a un tubolare sgonfio”, scrive la Ong Sea Watch su Twitter.

“Panico e urla a bordo perché continuava ad entrare acqua”, si legge in un post di Alarm Phone che parla di un “ultimo contatto con la barca alle 15.21”.

Gli 80 migranti che si trovavano sul gommone avvistato dall’aereo di Sea Watch sono stati recuperati da una motovedetta libica, fa sapere dal canto suo in un tweet la Marina militare replicando alla denuncia della Ong tedesca sul “non intervento” della nave Bettica.

La Marina militare ha spiegato che quando è arrivata la segnalazione dalla Ong Colibrì, la nave Bettica si trovava a circa 80 km di distanza dal natante in difficoltà. Ha quindi inviato, come da prassi operativa, “un elicottero per fornire supporto”. Ma una volta giunto nella zona, Sar libica, ha constatato che i migranti erano stati già recuperati da una motovedetta libica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE