fbpx

Politica

“La decisione di privilegiare le riaperture all’aperto e’ basata su evidenze scientifiche. Gli spostamenti saranno permessi tra zone gialle e poi con un ‘pass’ tra zone di colore diverse”, ha detto Draghi. Sulle critiche al ministro della salute Speranza, Draghi ha ribadito che non erano né fondate né giustificate. “Il 26 aprile cominceranno le riaperture – ha detto il ministro Speranza – sulle altre date immagino dal 15 maggio le piscine riaperte, dal primo giugno le attivita’ connesse a alle palestre, il primo luglio le attivita’ fieristiche. Ci sara’ una road map ma non e’ possibile dare una data precisa, serieta’ impone un percorso di gradualita’ che ci consente di monitorare l’andamento”. 

Per quanto riguarda il coprifuoco – ha aggiunto Draghi – “dico che c’e’ un percorso di gradualita’, restano le fasce a colori ma anche conservare la limitazione orario del coprifuoco; il governo valutera’ e adeguera’ ulteriori misure. Al momento questa misura resta vigente”. Sul lento rallentamento della curva dei contagi, Speranza ha spiegato: “le misure prese, abbiamo deciso di sospendere l’area gialla. Abbiamo un Rt a 0,85, un’incidenza a 183 e una tendenza della stragrande maggioranza delle regioni ad un miglioramento epidemiologico. A questo – ha evidenziato – si aggiunge l’aumento delle dosi di vaccino. Quasi l’80% degli ultraottantenni hanno ricevuto la prima dose. Sulla base di questi elementi possiamo disegnare un percorso positivo, di natura graduale che vede per prima la riapertura delle scuole di ogni grado. Tutto il governo ritiene la scuola architrave della societa’. In maniera graduale proveremo a riaprire e il principio prova a partire da un dato scientifico, che nei luoghi all’aperto riscontriamo difficolta’ nella diffusione del contagio”.

Sulle riaperture “abbiamo da poco finito una cabina di regia che ha discusso lungamente a Palazzo Chigi. Dal 26 aprile, con qualche giorno di anticipo rispetto all’ipotesi dei primi di maggio, potranno riaprire teatri, cinema, musei e eventi all’aperto con misure di limitazione della capienza che conoscete e che abbiamo lungamente discusso con le categorie e gli esercenti”. Lo ha detto il ministro della Cultura Dario Franceschini chiudendo l’incontro online organizzato dal Pd sulla situazione dello spettacolo. Il ministro ha ribadito di aver chiesto al Cts la possibilita’ di allargare le presenze per gli eventi all’aperto. 

“Sono possibili riaperture graduali per trovare un punto di equilibrio e ci vogliono sistemi di monitoraggio contro una ripresa dell’epidemia” che siano stringenti e possano funzionare ancora prima che la curva dovesse rialzarsi. Lo ha affermato il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, alla conferenza stampa sull’analisi del monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

 “Parliamo di gradualita’. Deve essere la parola guida nelle prossime settimane. Che poi peraltro vediamo anche nei programmi degli altri Paesi, penso per esempio al Regno Unito. I due elementi che ci fanno aumentare un po’ il tesoretto” che consente parziali riaperture “e’ l’Rt che cala, oggi e’ a 0,85, e ci auguriamo scenda ulteriormente quando le misure saranno attivate, e poi il numero di vaccinati che quotidianamente continua a crescere, che crea una massa di persone ancora insufficiente per contrastare efficacemente la circolazione, ma con alcune fasce di eta’ che cominciano ad avere una copertura significativa”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto Superiore di Sanita’, Silvio Brusaferro, al punto stampa sul monitoraggio settimanale, in merito alle annunciate riaperture a partire dal 26 aprile. “Serve grande attenzione e cautela, e grande responsabilita’ – ha aggiunto – serve la consapevolezza e l’impegno a rispettare le solite regole, distanziamento, mascherina e cosi’ via. L’altra partita importantissima e’ continuare il monitoraggio: eventuali inversioni di tendenza anche a livello regionale possono essere rapidamente contrastate. L’auspicio ovviamente e’ che si vada verso una progressiva maggior liberta’. E’ una scommessa importante”. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE