fbpx

Hezbollah mostra ai media la paura di Israele

Estero

Hezbollah ha invitato decine di giornalisti al confine con i territori occupati per mostrare le attività militari di Israele.

Con una mossa senza precedenti, ieri, Hezbollah ha mostrato ai media i sistemi di difesa eretti dal regime israeliano sul confine e ha spiegato che la posizione dei dispositivi, al confine, prova la paura di Israele di fronte ad un attacco del movimento libanese.

Secondo gli analisti, il regime israeliano ha ordinato questa misura dopo il provvedimento del segretario generale di Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, il quale affermò che avrebbe dato una risposta dura per ogni violazione israeliana contro il Libano.

A questo proposito, un portavoce di Hezbollah, Mohamad Afif, ha dichiarato che le forze israeliane “hanno cambiato la fisionomia del territorio, hanno eretto pendii, scavato trincee e sradicato alberi.”

Inoltre, ha aggiunto che l’esercito israeliano ha, tra l’altro, implementato i sistemi difensivi nella città di Al-Jalil (Galilea), un fatto che riflette le capacità dei servizi di intelligence della resistenza libanese.

“Da circa un anno, il nemico ha costruito fortificazioni, barricate di sabbia e misure difensive per prevenire qualsiasi attacco” sul lato libanese, ha dichiarato un comandante di Hezbollah, che ha rifiutato di essere identificato.

Il comando di Hezbollah ha annunciato che la resistenza libanese ha ‘tattiche speciali’ per distruggere queste strutture difensive del regime di Israele.

Sono state mostrate anche tre fortificazioni dove Isarele controlla il Libano meridionale dalla regione di Tiro alle fattorie di Shebaa contese.

I funzionari militari israeliani hanno ripetutamente avvertito che Hezbollah non è più lo stesso di dieci anni fa e ora potrebbe sorprendere con un massiccio attacco di Israele  nel caso di una nuova  guerra.

Foto Al Masdar News

 

 

Fonte: Hispantv – Al Manar – Al Masdar News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE