fbpx

“La Cineteca di Bologna restaura Blow-Up di Michelangelo Antonioni a 50 anni dalla Palma d’Oro”

Cinema

A 50 anni dal Grand Prix, come si chiamava allora la Palma d’Oro, la Cineteca di Bologna porta al festival di Cannes 2017 (in programma dal 17 al 28 maggio) il restauro di “Blow-Up”di Michelangelo Antonioni realizzato in collaborazione con Istituto Luce – Cinecittà e Criterion, Warner Bros. e Park Circus, con un lavoro che si è svolto tra i laboratori di Criterion a New York e quelli dell’Immagine Ritrovata in via Riva Reno.

A restituire al film di Michelangelo Antonioni le luci originali creata all’epoca da Carlo Di Palma è stato chiamato invece il direttore della fotografia Luca Bigazzi.

Girato a Londra con David Hemmings, Vanessa Redgrave e Jane Birkin e la modella Veruska, è stato inserito dal festival nei sedici titoli che hanno fatto la storia di Cannes. Ma dal programma di Cannes Classics, la sezione dedicata ai film restituiti al loro splendore, arriva per il laboratorio della nostra Cineteca un riconoscimento ancor più prestigioso. Si tratta del restauro de “L’Atalante”, capolavoro del cinema francese, diretto da Jean Vigo nel 1934 e tra i pilastri della cinematografia d’Oltralpe, che promosso da Cinémathèque Française con Gaumont e la Film Foundation di Martin Scorsese, è stato affidato alle capacità e al talento dei restauratori de L’Immagine Ritrovata.

La pellicola è stata infatti rimessa a nuovo tra la nuova sede parigina del laboratorio, L’Image Retrouvée, inaugurata lo scorso settembre, e gli spazi di via Riva Reno. Pellicola mitica anche per la morte del regista a 29 anni, un mese dopo la prima della proiezione pubblica,“L’Atalante” venne riscoperto dalla Nouvelle Vague. Truffaut in testa che lo vide all’età di quattordici anni e disse: «Quando entrai in sala al cinema, non sapevo nemmeno chi fosse Jean Vigo. Fui immediatamente sopraffatto da un entusiasmo selvaggio per il suo lavoro».

Che dunque la Cinémathèque française, fondata da Henri Langlois, forse la massima istituzione cinematografica del pianeta, affidi il restauro a L’Immagine Ritrovata di uno dei grandi classici del cinema francese, è davvero un importante riconoscimento al primato del laboratorio bolognese anche Oltralpe.

Lino Aulenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE