fbpx

Filippine, in vigore la legge marziale contro l’Isis

Estero

Forze di polizia impegnate nell’evacuazione di Marawi, nell’isola di Mindanao (AFP PHOTO)

Il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte ha imposto la legge marziale nell’isola di Mindanao. Le misure, ha anticipato, saranno “dure” come quelle che caratterizzarono la dittatura di Ferdinando Marcos. Duterte ha interrotto la sua visita a Mosca per fare ritorno nelle Filippine per affrontare la crisi, con un centinaio di militanti di un gruppo che si è associato all’Is che assediano la città di Marawi, dove hanno dato fuoco a una chiesa cattolica, al carcere e a due scuole.”Non abbiate paura, sto tornando a casa.
Interrompo la mia visita qui per essere al fianco dei miei connazionali. Affronterò il problema al mio arrivo”, ha dichiarato.I terroristi hanno occupato le strade principali di Marawi, una cittadina in cui vivono 200mila persone, due ponti che portano in città, dove hanno sequestrato diverse persone, incluse suore e altri religiosi, come ha denunciato il vescovo Edwin Dela Pena.Duterte, in previsione della partenza anticipata, è comunque riuscito a incontrare al Cremlino Vladimir Putin. Il presidente delle Filippine ha detto di contare sull’acquisto dalla Russia delle armi necessarie per combattere gli estremisti islamici nel suo Paese. La delegazione delle Filippine, guidata dal ministro degli Esteri, è rimasta a Mosca per la firma di accordi bilaterali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE