fbpx

La Germania ritira le truppe dalla Turchia

Estero

​Il governo tedesco ha varato il ritiro delle truppe dalla base turca di Incirlik. La decisione di spostare i 260 militari e i Tornado in Giordania arriva dopo il veto di Ankara, mai ritirato, alla visita dei parlamentari del Bundestag. Il ritiro delle truppe e’ solo “la conseguenza” della decisione di Ankara sul veto ai parlamentari tedeschi, “ma non rende peggiore la situazione” con la Turchia, ha precisato la cancelliera Merkel.

Il dialogo con Ankara deve continuare, anche dopo il ritiro dei militari tedeschi dalla Turchia. Lo ha detto il cancelliere tedesco, Angela Merkel, dopo che il governo di Berlino ha approvato questa mattina il ritiro del personale militare dalla base aerea Nato di Incirlik, nella provincia turca di Adana. Nel corso del Consiglio dei ministri di oggi, il capo della diplomazia tedesca, Sigmar Gabriel, ha riferito della sua visita di due giorni fa inTurchia, mentre la titolare della Difesa, Ursula von der Leyen, ha illustrato i piani approntati dal suo dicastero per il trasferimento dei circa 260 soldati tedeschi e dei velivoli Tornado da Incirlik ad un’altra base in Giordania. Dopo la visita ad Ankara, Gabriel aveva suggerito che il trasferimento delle truppe in Giordania richiedesse un nuovo mandato parlamentare, ma il coordinatore per le politiche transatlantiche del governo federale, Juergen Hardt, ha sottolineato che il mandato in vigore basta a coprire l’operazione, poiche’ non cita specificatamente la Turchia ma l’intera regione delle operazioni contro lo Stato islamico. Il Bundestag potrebbe comunque votare una risoluzione non vincolante come indirizzo politico al governo.

Gabriel, nella conferenza stampa tenuta insieme all’omologo turco, Mevlut Cavusoglu, lunedi’ 5 giugno ad Ankara, aveva sottolineato come la decisione di Ankara di mantenere il divieto di visita per i parlamentari tedeschi nella base di Incirlik per i parlamentari della Germania non lasciasse molte alternative a Berlino. “Per ragioni di politica interna che e’ facile comprendere dovremo trasferire i nostri soldati da Incirlik”, aveva detto Gabriel. In precedenza la Turchia aveva gia’ fatto sapere di voler mantenere il divieto su Incirlik, consentendo invece le visite nella base militare Nato di Konya.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE