fbpx

Legge elettorale. Napolitano contro l’accordo

Cronaca

In attesa del voto in aula sugli emendamenti, che iniziera’ tra poco, proseguono le polemiche sulla legge elettorale, approdata ieri in un emiciclo quasi deserto. In campo anche NAPOLITANO, che boccia in toto l’accordo. ‘I quattro leader di partito agiscono solo calcolando le proprie convenienze’, dice, accusandoli di un ‘patto extracostituzionale’ sulla data del voto mentre Alfano denuncia ‘palesi ragioni di incostituzionalita”. Renzi assicura: ‘Nessuno ha fretta di andare ad elezioni’. Grillo prende le distanze: ‘Stiamo facendo una legge elettorale che non capisce nessuno’.

“Ne abbiamo visti di tutti i colori ma ora ci sono colori nuovi come il passaggio dalla seduzione del modello elettorale francese (tranne fare grossa confusione tra quello elettorale e quello costituzionale) a quello tedesco”. Lo ha detto Napolitano parlando di legge elettorale. “Fino a prova contraria – osserva – chi vuole presentare una proposta di modello presidenziale faccia pure ma finche’ cio’ non avviene dettato e prassi costituzionale vanno rispettate”. “In questo funambolico brusco passaggio dal modello francese al tedesco – dichiara – potevamo risparmiarci il gran galoppo del Parlamento nel fine settimana. Non c’era nessun motivo per farlo se non il retro pensiero che in questo modo si sarebbe potuto premere per andare al voto a settembre, con quale profitto per chicchessia e’ difficile o molto difficile dirlo”. “La governabilita’ del Paese si profila molto problematica sulla base di quel che si sa di questa legge elettorale. E comunque si dovra’ pronunciare il Parlamento e per le verifiche di costituzionalita’ il presidente della Repubblica e poi la Consulta. Vedremo quale sara’ il corso di questa nuova grande impresa, di 4 partiti o 4 leader di partito che calcolano esattamente le proprie convenienze meravigliandosi che in questa occasione magicamente convergano, nei giorni che ancora ci aspettano”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE