fbpx

Usa: Trump contro Cnn, in un video su Twitter la mette ko

Estero

Non si ferma la furia di Trump contro la CNN e il presidente degli Stati Uniti torna su Twitter per attaccare il network tv con un video e l’hashtag “FraudNewsCnn #FNN (#NotizieTruffaCnn). Nelle immagini si vede il tycoon che a margine di un ring mette Ko un uomo il cui volto viene coperto dal logo della CNN. Per realizzarlo pare siano state utilizzate immagini di repertorio risalenti al 2007 quando Trump – che in passato era comparso in uno show di wrestling – fece finta di mettere ko Vine McMahon, il Ceo della WWE (World Wrestling Entertainment, Inc) la societa’ che gestisce il wrestling professionista in Usa.

E’ la prima volta che Trump pubblica un video sul suo account Twitter (si tratta di un gif, un’immagine animata) mentre conia anche l’acronimo FNN, con evidente riferimento a ‘Fraud News’, ovvero notizie truffa.

 

E’ un giorno triste quando il presidente degli Stati Uniti incoraggia la violenza contro i reporter“. E’ la reazione della Cnn al video postato sul profilo twitter di Donald Trump. “Invece di prepararsi per il prossimo viaggio in Europa e l’incontro con Putin – continua la Cnn nella sua reazione – assume atteggiamenti infantili non all’altezza del suo ruolo. Noi continueremo a fare il nostro lavoro. Lui dovrebbe cominciare a fare il suo”.

E poche ore dopo la pubblicazione del video, Donald Trump torna a twittare e si scaglia ancora contro i media: “I media disonesti non ci impediranno MAI di raggiungere i nostri obiettivi per contro del GRANDE POPOLO AMERICANO!#AmericaFirst”, si legge sul profilo del presidente Usa, con allegato il video del suo intervento al Kennedy Center di Washington, dove pure se l’era presa con i media.

Spicca la voce della leader della minoranza democratica alla Camera Nancy Pelosi nel coro di critiche contro l’ultimo tweet di Donald Trump in cui torna all’attacco della Cnn. Pelosi si schiera a difesa della stampa e lancia un appello agli americani affinchè respingano le “immagini violente” utilizzate “per vessare la stampa”. A sua volta su Twitter Pelosi invita quindi a “celebrare la liberta’ della stampa“, che definisce “guardiana della democrazia“, in occasione della Festa dell’Indipendenza americana il 4 luglio.

Il direttore del New York Times Dean Baquet ha definito “indecoroso” l’ultimo attacco di Donald Trump contro i media. “E’ indecoroso che il presidente attacchi i giornalisti perché fanno il loro lavoro e che incoraggi tanta rabbia contro i media”, ha detto Baquet.

“Per alcuni sarà divertente. Io lo trovo di pessimo gusto. Non mi e’ mai dispiaciuta una buona ‘battaglia’ con la stampa. E’ parte della nostra democrazia avere opinioni diverse. Ma questo e’ troppo”. Questo su Twitter il commento di Ari Fleischer, che fu il portavoce di George W. Bush dal 2001 al 2003, dopo il GIF postato da Trump. Convinto che “non succederà”, Fleischer, sempre su Twitter, ha invitato a un “reset” nei rapporti tra presidente e media: “La stampa farebbe bene a essere più gentile con Trump, ma Trump dovrebbe abbassare i toni”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE