fbpx

Appalti: ecco come Aqp (socio unico Regione) da anni fa a meno dell’evidenza

Puglia

BARI – “In AQP gare per 180 milioni di € bandite nel marzo 2015 ancora non aggiudicate, nel frattempo si affidano in proroga lavori per decine di milioni di € annui. Ecco come da oltre due anni una delle principali stazioni appaltanti del meridione tiene in soffitta il principio dell’evidenza pubblica. Il socio unico Regione renda conto”, è quanto dichiara in una nota il Cons. Reg. Andrea Caroppo, capogruppo di FI alla Regione Puglia.
“Due anni e mezzo fa, Acquedotto Pugliese, interamente partecipato dalla Regione Puglia, ha avviato la procedura per l’affidamento e l’esecuzione dei servizi di verifica, ispezione continua e sanificazione delle reti fognarie nonché di manutenzione delle reti idriche e fognarie; ebbene quella gara non si è mai conclusa (solo l’aggiudicazione provvisoria con richiesta di documentazione è stata comunicata solo nel dicembre 2016). Tuttavia, trattandosi di gara a massimo ribasso, queste tempistiche – che hanno costretto i partecipanti alla gara a costi aggiuntivi insostenibili per milioni di € – sono ingiustificabili.
Nel frattempo però AQP prosegue affidando in proroga ai contraenti scaduti tra il 2014 e il 2015 i medesimi servizi e opere oggetto della “gara interminabile”, con maggiori costi per la società (50 milioni di € in tre anni).
Ecco, dunque, che – per mettere le mani avanti? – a metà marzo 2017 AQP comunica ai partecipanti di aver chiesto a dicembre 2016 un parere all’ANAC sulla correttezza dell’iter seguito.
Al di là di quelle che saranno le valutazioni dell’organo tardivamente e strumentalmente coinvolto – conclude Caroppo – resta un fatto rispetto al quale il Presidente e la Giunta Regionale devono venire a rendere conto quantomeno in Consiglio. Per questo depositerò un’interrogazione sul punto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE