fbpx

Cronistoria di una nottataccia insonne e piena di riflessioni

Senza categoria

L’afa, l’umido attaccaticcio, le fastidiosissime zanzare assetate del mio sangue, lo zampirone che sembra essersi eclissato, il condizionatore che dà forfait e la indigeribile spaghettata a base di aglio olio e peperoncino condivisa con gli amici dopo la mezzanotte, mi hanno offerto una nottataccia trascorsa tra un dormiveglia fastidioso e una serie di riflessioni da incubo. Sono appena le 04, 15 e finalmente intravedo un accenno di alba. Rintronato decido di accendere la t.v. per ascoltare il primo tg del mattino e/o seguire la rassegna stampa. Data l’ora le reti Rai trasmettono inutili repliche in bianco e nero, Mediaset ci assilla con programmi improponibili di cucina e tutte le reti locali ci propinano odiosi spot pubblicitari di materassi, poltrone e attrezzature ginniche. Facendo zapping, finalmente uno speaker annuncia le prime notizie. Pare che diversi schieramenti politici che fino a qualche ora prima si dichiaravano guerra su tutti i fronti si ritrovino, tutti insieme appassionatamente, a votare cose delle quali non ne sono nemmeno convinti. Comincio a pensare che anche loro abbiano subito una brutta botta di calore. Ascolto le notizie con malcelata insofferenza e decido di cambiare canale.

Continuo a cambiare canali sperando di beccare qualche buona notizia ma la giornalista, quasi a voler infierire su di me, anticipa la minaccia di un eventuale aumento dell’I.V.A. Cambio canale ma la musica sembra essere la stessa. Le notizie si accavallano e, pare, che le rimostranze del nostro governo in merito agli innumerevoli sbarchi sulle nostre coste siano state ignorate e surclassate da tutte le altre nazioni Europee, nessuna esclusa. Tolgo l’audio e vedo scorrere solo le facce di alcuni nostri governanti. La fisiognomica mi ha sempre affascinato. Riaffiorano nella mia mente alcune lezioni universitarie sulle teorie di antropologia criminale di Cesare Lombroso. Alcuni di loro hanno per davvero facce poco raccomandabili ma fatte le giuste eccezioni mi sorge il dubbio che da sempre siamo stati governati da affaristi, arraffoni, ignavi, privi di virtù e di forza morale, bugiardi e legati alla sola gestione della loro poltrona. Decido così di rimettere l’audio. Concludo  che al giorno d’oggi lo sport più praticato negli ambienti Romani sia quello di passare sul carro del vincitore o di chi “promette loro” di più. Al peggio non vi è mai fine e pur di non ricevere da parte dell’editore il licenziamento in tronco, faccio Canossa e ammetto che sicuramente nel parterre della Camera e del Senato vi siano tante persone oneste, capaci e degne di occupare posti chiave.

A questi ultimi non sarà mai permesso di operare nel rispetto delle leggi a causa della burocrazia e/o di misteriose forze occulte provenienti da imposizioni Europee. Spengo la t.v. e mi chiedo come continuare a fidarsi di chi dopo averci massacrato di tasse, balzelli, perdite dei diritti sul posto di lavoro continui a sbandierare ai quattro venti che le previsioni per il futuro della Nazione siano ottime e che finalmente si riesca a vedere la luce in fondo al tunnel. E noi, da bravi pecoroni, accettiamo passivamente l’attuale situazione. Non è assolutamente pensabile che ancor oggi, circondati da scandali, ruberie, soprusi, forme di arroganza esasperate, confessioni, arresti, corruzioni, nepotismi e chi più ne ha più ne metta, il popolo continui imperterrito a sposare cause e schieramenti indifendibili dimostrando una tale ottusità ed una totale mancanza di ragionevolezza.
Leader di partiti coinvolti direttamente o indirettamente in vicende giudiziarie e altri politici incriminati.

Non voglio più credere a quello che i telegiornali continuino a propinarmi e, lo ammetto. Vengo assalito da una forma di ansia, anzi… panico!
Non mi resta che prendere l’ennesimo tavor, mandarlo giù con un bel sorso di citrosodina e attendere il giorno in cui questa massa di soloni raggiunga la pace eterna.

Immeritata, ma “eterna”! 

Ninni di Lauro Dragone


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE