fbpx

Nenè: “Nonostante i miei 34 anni, la scelta di Bari mi riempie di tante motivazioni”

Sport & Motori

Bedollo – Ânderson Miguel da Silva, attaccante, meglio noto come Nenê e che, però, nulla ha a che far col mitico Claudio Olinto de Carvalho, centrocampista, anch’egli noto semplicemente come Nené che con Gigi Riva compose una coppia delle meraviglie, si è presentato, oggi, forte della sua media gol pari ad uno ogni tre gare, nella confortevole sala stampa messa a disposizione dagli operatori turistici d Bedollo alla stampa barese.

Come va dopo una settimana di ritiro ?

Bene, si lavora tanto perché il Mister ogni giorno pretende giustamente lavoro ed intensità e coi compagni di squadra mi trovo benissimo, anzi alcuni li conoscevo”.

Crede che l’allenatore la farà partire titolare dal momento che nella “prima” a Bedollo, appunto, è partito titolare?

E’ presto per dirlo. Cercherò di dare il massimo per essere disponibile, cerco di ritagliarmi il mio spazio, ma se l’allenatore mi dice di stare in panchina accetterò senza alcun problema”.

Lei ha una media di un gol ogni tre partite: quanti gol crede di fare?

Spero il più possibile se potrò giocare, altrimenti mi basterà raggiungere l’obiettivo della serie A”.

Come percepisce la sfida con Rajcevic?

Lui è un gran giocatore, sarà una bella competizione. Io e lui, però, siamo diversi anche se nel campo tutto dipenderà dalle caratteristiche personali: io faccio movimento in area di rigore, lui è più alto di me. Io me la cavo di testa e qualche gol l’ho pure fatto così, mi stacco bene da terra, ma anche Rajcevic sa farlo. Il piede, onestamente, non ce l’ho tanto, la testa si. Cerco di migliorarmi ogni giorno”.

Arriva a Bari con un anno di ritardo.

A gennaio scorso abbiamo parlato di questa possibilità, ma lo Spezia non voleva rinforzare una squadra concorrente per i playoff. Adesso la musica è cambiata e son contento di essere arrivato a Bari”.

Finalmente non farà gol al Bari…

E’ capitato, sono un professionista e non mi tiro mai indietro quando ho l’opportunità di segnare, adesso che sono a Bari spero di farne tanti”.

Come si è lasciato con lo Spezia?

Non benissimo ce l’ho ancora con loro. Ma adesso non voglio parlarne più. Ho ancora tanti amici colleghi nella squadra a cui son legato ma adesso, nel Bari, farò gol anche a loro se capiterà l’occasione”.

Che tipo di stimoli ha un giocatore come lei, trentaquattrenne?

Beh, il Bari è società nella quale son passati tanti giocatori forti, e son proprio qui gli stimoli, far bene coi miei 34 anni”.

Grosso che impressione le ha fatto?

E’ uno che lavora tanto col possesso palla, fa movimento, molto lavoro tattico più con la palla che lavoro atletico, e a me piace”.

Preferisce giocare con una punta o con due?

Ho provato entrambi i moduli, 4-3-3 e 4-3-1-2, quindi sono abituato, ma con due in avanti avremo più punti di riferimento, quindi difensori avvisati”.

L’obiettivo è quello di superare gli 11 gol con lo Spezia?

Si, cercherò di far meglio”.

Come vede una eventuale coppia con Floro Flores, “attenti a quei due”?

Giocatore fortissimo, se avremo l’opportunità di giocare insieme, sono sicuro che faremo bene. Adesso sta recuperando dall’infortunio. Tutte le squadre dovranno stare attente a noi due”.

Nel frattempo proseguono gli allenamenti sul campo di Bedollo con intensità e carattere. Tutti spinti da una gran voglia di far bene. Nessuna notizia, ancora, invece di calcio mercato. Rajcevic, intanto, è tornato a Vicenza ma solo per una questione burocratica legata al suo passaporto. Nel pomeriggio proseguirà gli allenamenti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE