fbpx

Insieme ognuno nel proprio letto” per la rassegna Arena Rogaeo

Cinema

GIOVEDI’ 24 AGOSTO 2017

BITONTO (Ba) – Alle 20.45 presso l’atrio esterno della Biblioteca Comunale – Eustachio Rogadeo (Via Giandonato Rogadeo, già dei Mercanti, 14 – Bitonto)

Arena Rogaeo – Jointly sleeping in our own beds

Trailer:

https://www.youtube.com/watch?v=nLCz_ProcR0

INSIEME OGNUNO NEL PROPRIO LETTO – note di regia

di Saverio Cappiello

Jointly sleeping in our own beds è un film che nasce spinto dall’urgenza di raccontare una nuova realtà che si sta dipanando davanti ai nostri occhi.

Nel film seguo il personaggio controverso e affascinante di Pauline, una modella non professionista, forse un nuovo prototipo di femme fatale, in una storia d’amore con il regista del film stesso, un filmmaker del Sud Italia che ora vive a Milano. Entrambi sono due personaggi della nuova generazione che provano a tirare avanti con lavori saltuari, spinti sì da un’utopia e un’energia giovanile, ma ridimensionati da una condizione di precarietà e di infelicità cronica.

La peculiarità del film sta nel fatto che i due personaggi non si sono mai incontrati nella realtà e che stanno sviluppando un legame a distanza grazie a sistemi di messaggistica virtuali quali Skype, whatsapp e altri ancora. Il film, però, non è una riflessione sulla pericolosità o, al contrario, sui vantaggi che queste nuove tecnologie portano nei legami odierni ma si limita semplicemente ad assumerli come fatti reali.

Piuttosto il film racconta di un’esperienza amorosa, quasi magica, che è riuscita a crescere e poi appassire in questa nuova realtà, affrontando la quotidianità, la bellezza e i problemi della vita.

Il film non poteva che essere concepito se non con un montaggio di costruzione attraverso il quale, a fondo di mesi di riprese tra l’alba e il tramonto della relazione, si è potuto dare un’onesta e completa diegesi dei due personaggi

Personalmente mi piace pensare e vedere Jointly sleeping in our own beds come un film sulla magia, non solo per le circostanze che l’hanno reso possibile e nemmeno per gli strumenti che hanno annullato la distanza di migliaia di chilometri fra i personaggi. Jointly sleeping è un film sulla magia perché a volte tradisce il reale e si esprime con l’anagogia, con una tensione sciocca verso quello che non è, ovvero l’universale. L’urgenza del racconto infatti non nasce solamente dalla voglia di raccontare la realtà, ma anche dalla voglia di sbarazzarsene a volte. Lo stesso contrasto che, ad esempio, si può notare quando in alcuni momenti il film, che di certo non è costruito su una forte estetica visiva, tende a diventarlo, ingenuamente, come se non si potesse fare altrimenti.

È per questo che, per me, Jointly sleeping in our own beds è un film sulla magia e l’inevitabile.

Ingresso libero

Jointly sleeping in our own beds – Trailer (2017)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE