fbpx

Brasile vs Venezuela

Estero

Brasilia ha adito il Club di Parigi – del quale è membro dal 2016 – nel tentativo di recuperare il credito che vanta nei confronti di Caracas. Oggetto del contendere, una rata da 265,5 milioni di dollari che il Venezuela avrebbe dovuto saldare più di due mesi fa in ambito Convenio de Créditos Recíprocos (Ccr) – camera di compensazione tra banche sudamericane.

Le stime sul debito complessivo venezuelano verso il Brasile, nel silenzio delle autorità, ammontano a una cifra compresa tra 4 e 5 miliardi di dollari. Da qui i timori a Brasilia relativi a un eventuale default del Venezuela, i quali si accompagnano a quelli derivanti dall’aumento dei rifugiati venezuelani nel paese verdeoro. Secondo il Comitato nazionale rifugiati (Conare), nel primo semestre del 2017 le richieste sono aumentate più del 51% rispetto al totale registrato nell’intero 2016.

Sono sviluppi che gettano ulteriore benzina sulle relazioni tra due dei più rilevanti attori della regione, deteriorate a partire dall’impeachment di Dilma Rousseff – definito un “golpe parlamentare” dal governo venezuelano. E in particolare con l’assunzione del ministero degli Esteri brasiliano di esponenti del Psdb quali José Serra e Aloysio Nunes, che hanno annunciato la “deideologizzazione” della politica estera del paese e si sono scagliati ripetutamente contro la “deriva autoritaria” del presidente venezuelano Maduro.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE