fbpx

Impiegati Arif, finisce il precariato: passa emendamento ddl Bilancio 2017

LavoroPuglia

E’ passato ieri in Consiglio Regionale l’emendamento al ddl sull’assestamento di Bilancio 2017 che riguarda gli impiegati dell’Arif (Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali). Agli addetti ai lavori di sistemazione idraulico-forestale e idraulico-agraria, sarà applicato il contratto collettivo nazionale con conseguente applicazione del relativo trattamento giuridico economico e assicurativo previdenziale.

Tra i primi firmatari il consigliere regionale Renato Perrini, che nelle scorse settimane aveva già presentato un’interrogazione con la quale chiedeva di porre fine ad anni e anni di precariato. Il consigliere aveva, infatti, raccolto il grido di allarme dei 112 impiegati (persone oramai non più giovani il cui stipendio è la sola fonte di reddito per le loro famiglie), che dal 1 luglio e dopo oltre vent’anni di alti e bassi, si erano ritrovati completamente senza lavoro e senza un futuro. Si tratta di lavoratori ex Sma, già collocati in aree strategiche dell’Ente Regione come bandi di gara, ufficio economato, attività tecniche e progettuali, infortuni e malattie, protocollo, manutenzione degli automezzi.

Parliamo di personale che lavora anche a progetti che investono fondi comunitari (PSR) e che operano in stretta colaborazione con AdB Puglia, ARPA e servizio risorse idriche della Regione Puglia, ultimamente impegnati anche per  il monitoraggio Xylella. L’emendamento passato ieri dunque non solo chiude una brutta pagina di precariato mal gestita in passato, ma garantisce anche a tutta comunità pugliese la salvaguardia e la conservazione del nostro patrimonio. Nei prossimi giorni si terrà un incontro con l’assessore Di Gioia per definire tutti i dettagli.

Marco Tatullo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE