fbpx

Maria Maddalena”: tesi femminista o sessista?

Senza categoria

“Rimane, nell’aria, la tesi femminista del film. Ed è, in fin dei conti, la cosa che più mi ha convinto: perché è proprio vero che anche duemila anni fa ogni dolore era arrivato a Cristo solo dai maschi mentre le donne gli avevano riservato solo comprensione ed affetto. Questa però è un’altra storia ed è quella del Vangelo”.

Sono le parole con le quali don Mauro Leonardi conclude la recensione del film Maria Maddalena, apparsa su “La Croce” il 28 febbraio. Ovviamente non ho visto il film giacché ancora non è uscito, però vien fatto di chiedersi, stando alle parole di don Mauro, se si tratti di tesi femminista oppure di tesi sessista: le donne sono così e così, e gli uomini invece… In realtà esistono persone buone e comprensive, e persone cattive e non comprensive. La distinzione tra buoni e cattivi in base al genere cui appartengono, è sessista. Detto questo, c’è una spiegazione al fatto che siano alcuni maschi nel Vangelo ad arrestare, processare e crocifiggere Gesù, e non alcune donne. Non perché tutti i maschi della Palestina fossero cattivi e tutte le donne della Palestina fossero buone. Semplicemente perché nella società della Palestina al tempo di Gesù, alle donne, buone o cattive che fossero, non era concessa nessuna possibilità di arrestare, processare e crocifiggere chiunque. Si potrebbe affermare che per le donne, la possibilità di mettere in atto la propria cattiveria, soprattutto con azioni pubbliche, fosse molto limitata. Alle donne buone era concessa la possibilità di mettere in atto la propria bontà, ma forse anche questa possibilità era limitata. Le donne non potevano fare leggi giuste, stabilire regole giuste. Ogni decisione importante era in mano agli uomini. Ma per lo più non è stato forse così nelle società cristiane per secoli dopo Cristo?

 E non è così ancora oggi in tante parti del mondo? Milioni di donne ancora oggi sono in qualche modo “costrette” ad essere buone o perlomeno a non compiere azioni pubbliche cattive.

Renato Pierri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE