fbpx

Festa della donna, tra ricordo ed iniziative

Arte, Cultura & Società

Il Bollino Rosa della sanità

Nel marzo 1908 le operaie di un’industria tessile di New York, la Cotton, iniziarono a scioperare contro le condizioni di lavoro disumane alle quali erano costrette. Lo sciopero durò fino a quando l’8 marzo dello stesso anno, il proprietario della fabbrica le barricò al suo interno e appiccò un incendio in cui persero la vita 126 operaie. Accadimenti di una realtà ancora buia e limitata, ricostruiti grazie alle preziose testimonianze di giornalisti e passanti.

L’8 marzo 1946 fu celebrato per la prima volta in tutta Italia, divenne ben presto Festa Internazionale della donna, riconoscendo il suo ruolo nella società come fondamentale, appoggiando la parità dei sessi e decretando come simbolo della festa la mimosa: fiore umile e resistente che sboccia proprio in questo periodo.

***

Ma non solo mimose e festeggiamenti con le amiche, la Festa della donna è oggi un’occasione importante per sensibilizzare le cittadine, e non solo, attraverso il passato e la storia passando per le idee promosse dal comparto salute. Ricordare i progressi economici, politici, sociali ma anche prendere coscienza delle discriminazioni e delle violenze alle quali purtroppo le donne continuano troppo spesso ad essere sottoposte.

***

Per questa ricorrenza, le iniziative in tutta Italia sono molteplici. Da Nord a Sud, donne di qualsiasi età, hanno avuto la possibilità di effettuare in day-hospital controlli gratuiti e screening di ogni genere presso le strutture mediche con Bollino Rosa, riconoscimento che permette ad oltre 200 ospedali italiani di aprire le loro porte per offrire prevenzione, diagnosi e cura delle patologie legate all’universo femminile. Scoprire qual è l’ente ospedaliero più vicino al proprio comune di appartenenza è possibile sul sito bollinorosa.it.

Per la provincia di Bari: IRCCS Giovanni Paolo II, l’Ospedale Generale Regionale Miulli, Santa Maria, San Paolo, Ospedale Casa Sollievo della sofferenza e l’Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico.

Claudia Consaga

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE