fbpx

Aria di cambiamenti

Cronaca

La percezione di mutare “politica” c’è. Di fatto, però, qualsiasi innovazione avrebbe bisogno di tempo per trovare la sua concreta attuazione. La XVIII Legislatura sarà in salita. La squadra che ci governerà è ancora “in pectore”. L’economia nazionale e la situazione sociale non consentono interventi miracolistici. Non sappiamo se il prossimo Esecutivo resterà in carica sino alla fine del suo naturale mandato. La politica continuerà a vincolare gli uomini. Con le strategie che conosciamo, il futuro Primo Ministro si muoverà su un fronte da progettare volta per volta.

 Dati i tempi, è meglio non sgarrate. L’hanno capito tutti. Finalmente, si dovrebbero picconare i tanti, privilegi di casta. IL “vecchio”dovrebbe andare in pensione e il “nuovo” potrebbe farsi spazio.  Ma sul fronte delle Alleanze, i nostri dubbi restano ancora tutti.

 La politica, che è anche strategia di comportamento, ci ha dimostrato che chi non si adegua è tagliato, inesorabilmente, fuori. Del resto, è impossibile identificare un’univoca matrice della futura compagine politica. Tutti buoni, per la carità ma indispensabile nessuno.

 Per la prima volta nella storia della Repubblica, non è possibile fare dei raffronti col passato. Essendo cambiati i rapporti tra gli uomini e i partiti, il nostro futuro resta da scoprire giorno per giorno. Insomma, la “fiducia” si deve meritare sul campo. Sembra, ma non è solo una nostra impressione, che si cerchi una via che consenta d’andare oltre gli obiettivi di un accordo tutt’altro che granitico. Il tutto fa parte di una necessità scaturita da una situazione che, se non contenuta, potrebbe provocare altri problemi al Paese. Accanto alle difficoltà economiche, restano da attuare le riforme  sociali che giudichiamo inderogabili per essere al passo con l’incalzare dei tempi e con le necessità nazionali. Se governare è un’”arte”, tra poco individueremo il comportamento dei politici chiamati a spartirsi il Potere Esecutivo nazionale.

Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE