fbpx

Visita del Santo Padre a Molfetta

CronacaPuglia

di Francesco Di bello

ACTUM ET FIDES IN DEUM

La carità cristiana come pilastro portante della Chiesa, l’aiuto ai meno abbienti, l’impegno costante nei confronti dei sofferenti, dei poco fortunati, degli emarginati: è questo il messaggio fondamentale di don Tonino Bello. Un uomo profondamente pervaso dalla convinzione nelle proprie idee, a prescindere dal suo posizionamento nella gerarchia clericale; ciò che faceva e come agiva quando era un semplice parroco di strada, continuò ad essere una sua costante comportamentale anche nel momento in cui arrivò la nomina nel 1982 di Vescovo delle diocesi di Molfetta, Giovinazzo, Terlizzi e Ruvo, la sua idea su ciò che doveva essere l’opera vera e determinante della Chiesa anche nel sociale, non cambiò mai.

La visita di Papa Francesco nella bella cittadina di Molfetta nel corso della mattinata del 20 aprile scorso, giorno non casuale visto che ricorreva il xxv anniversario della morte di don Tonino, è stata oltretutto una conferma indiscutibile di pre-santificazione all’operato di quel sacerdote da parte della più alta carica della chiesa cattolica.

E’ risaputo che Papa Francesco è molto sensibile all’azione sociale dei preti come don Tonino, in fondo anche Sua Santità condivide da sempre la stessa idea di Chiesa e, lo ha dimostrato nel corso di tutta la sua carriera ecclesiastica.

Tra i troppi don Abbondio che ci sono in circolazione, vasi di terracotta in mezzo a vasi di ferro, don Tonino Bello è sempre stato un vaso di ferro tra i vasi di terracotta.

In una società in cui l’essere umano non ha più alcun senso se non quale “merce”, nella fase più spietata del sistema capitalistico che stiamo vivendo, ovvero quella che preannuncia il crollo totale di tutte le economie, il messaggio di don Tonino, ovvero l’amore incondizionato per il proprio simile, è la luce radiosa che non può affievolirsi, indifferentemente dalla densità del buio che c’è intorno.

Riprese e montaggio di Francesco Di Bello

Foto: Servizio fotografico diocesano


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE