fbpx

 Governo: l’alba della terza repubblica

Senza categoria

A meno di ulteriori colpi di scena, la terza Repubblica nascera’ all’alba di martedi’ 22 maggio. Dopo 78 gironi di schermaglie e trattative e cinque giri di consultazioni al Quirinale, i leader dei 5 Stelle Luigi Di Maio e della Lega Matteo Salvini hanno indicato al presidente delle Repubblica Sergio Mattarella il nome del giurista Giuseppe Conte quale presidente del Consiglio designato dalla maggioranza giallo verde sulla base di un preciso accordo politico su un programma condiviso.

Un non parlamentare sul quale il presidente della Repubblica si e’ riservato una valutazione ponderata sotto il profilo costituzionale e della funzionalita’ politica e internazionale. Nessuna sorpresa dunque rispetto a quanto la maggioranza gialloverde aveva discretamente fatto trapelare da giorni per valutare le reazioni. Sul piano politico la novita’ sostanziale e’ invece rappresentata invece dal probabile appoggio esterno di Fratelli d’Italia al governo giallo verde. Prima di recarsi al Quirinale Matteo Salvini, alle 15.30, ha incontrato Giorgia Meloni.

I 18 senatori di FdI costituirebbero una garanzia per la tenuta della governabilita’ del nuovo esecutivo, che sulla base dei seggi a Palazzo Madama della Lega e dei 5 Stelle potrebbe altrimenti contare soltanto su 6 voti di maggioranza. Dopo il conferimento dell’eventuale incarico da parte del presidente della Repubblica al prof. Giuseppe Conte, il presidente del Consiglio incaricato consegnera’ in tempi brevissimi, dato che l’assegnazione dei dicasteri e’ stata gia’ decisa al 90% da Salvini e Di Maio, la lista dei ministri al capo dello Stato. Dopo il giuramento del 64° Governo della Repubblica al Quirinale il dibattito sulla fiducia potrebbe svolgersi entro la fine della settimana o all’inizio della prossima, in tempo per il 2 Giugno.

E’ il primo inedito governo del quale non faranno parte partiti ed eredi delle forze politiche che hanno dato vita alla Repubblica ed elaborato la Costituzione. Secondo le previsioni alla Lega saranno assegnati 11 ministeri e sette ai 5 Stelle. Salvini punta tutto sul Viminale e sul ruolo di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai servizi segreti per Giancarlo Giorgetti. Delega ai servizi che viene reclamata pero’ anche dai grillini per il senatore Vito Crimi. Luigi Di Maio si e’ ritagliato un ruolo economico sindacale e sara’ il titolare del Ministero dello sviluppo economico e del lavoro, che accorpera’ le deleghe dei due distinti dicasteri. Ai 5 Stelle sono destinati anche la Giustizia per Alfonso Bonafede, la Salute per Giulia Grillo e le Riforme per Francesco Spadafora. Agricoltura e Beni Culturali invece alla Lega rispettivamente con Nicola Molteni e Lorenzo Fontana. Cambio della guardia tutto siciliano al Ministero per i rapporti col parlamento, dove all’uscente Anna Finocchiaro del Pd subentrerebbe la leghista Giulia Bongiorno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE