fbpx

 La situazione attuale degli espatriati nel mondo del calcio

Sport

L’analisi che segue prende in esame i calciatori espatriati, cioè esclusivamente quelli che rispetto alla loro federazione nazionale risultano trasferiti all’estero per motivi di lavoro. Alla data del 1° maggio 2018 nelle 93 federazioni nazionali considerate i giocatori espatriati ammontavano a 12.425 ed appartenevano a 2235 club. All’inizio del corrente mese 178 federazioni nazionali avevano almeno un rappresentante che militava all’estero. Il paese col maggior numero di espatriati è il Brasile con 1236 (destinazione prevalente il Portogallo), davanti alla Francia con 821 (meta più frequente l’Inghilterra) ed all’Argentina con 760 (approdo principale il Cile).

In questa classifica l’Italia si colloca al 26° posto con 135 giocatori espatriati (principalmente a Malta). Tenendo conto della popolazione il tasso più alto di espatriati per milione di abitanti è quello dell’Islanda (180 con 58 calciatori). Analizziamo ora la presenza di giocatori espatriati in tre continenti: Asia, Americhe, Europa.

In Asia spopolano i brasiliani (306, quasi ¼ del totale di 1236) e sono molto bene rappresentati i paese europei con Spagna (67), Francia (41), Serbia (35), Olanda (29), Inghilterra (27). Anche gli africani sono piuttosto numerosi, specialmente i nigeriani (39). Nelle Americhe la forza lavoro più massiccia è rappresentata dai calciatori argentini che con 456 unità costituiscono il 23% di tutti gli espatriati in questo continente. Qui gli espatriati brasiliani sono solo 105,mentre dall’Europa provengono in massima parte gli inglesi (41, 38 dei quali giocano negli U.S.A.). Anche in Europa il Brasile la fa da padrone con 824 calciatori sotto contratto coi club del nostro continente. La Francia è il secondo paese esportatore di giocatori a livello europeo (727), seguito da Serbia (424), Croazia (327), Inghilterra (327) e Germania (306). Il percorso internazionale con più espatriati coinvolti è quello che dal Brasile conduce in Portogallo (al 1° maggio 2018 giocavano nei campionati professionisti portoghesi 240 calciatori brasiliani). Gli altri due principali canali migratori sono quelli che collegano l’Inghilterra alla Scozia (110 calciatori) e l’Argentina al Cile (106).

  Massimo Girgenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE