fbpx

Otto donne accusano Morgan Freeman di molestie sessuali

Cinema

 Cnn riporta racconti delle presunte vittime del premio oscar 

Nuove rivelazioni shock scuotono il mondo dello spettacolo negli Usa. Otto donne infatti accusano il premio Oscar Morgan Freeman, una delle personalita’ piu’ influenti della comunita’ afroamericana, di molestie sessuali. Lo riporta la Cnn che riporta i racconti delle presunte vittime e dei ‘comportamenti inopportuni’ tenuti in piu’ occasioni da Freeman.

Hollywood scossa da un nuovo scandalo riguardante le molestie sessuali. La Cnn ha rivelato che otto donne accusano Morgan Freeman di comportamenti inopportuni avvenuti sul set di “Insospettabili sospetti (2017) e “Now You See Me” (2013) e in altri contesti professionali. Si tratta di palpeggiamenti, commenti non graditi e altri tipi di molestie nei confronti di collaboratrici dell’attore. Oltre alle donne molestate, gli episodi sono stati raccontati alla Cnn anche da donne che avrebbero assistito direttamente agli episodi di molestie alcuni dei quali avvenuti in pubblico. Un’assistente di produzione di “Insospettabili sospetti” ha raccontato che Freeman, premio Oscar come migliore attore non protagonista in “Million Dollar Baby”, l’aveva sottoposta a quotidiani commenti sul suo aspetto. Una volta, oltre a palpeggiamenti e massaggi non richiesti avrebbe anche provato ad alzarle la gonna. Una donna della produzione di “Now You See Me” ha rivelato invece che Freeman importunò lei e altre colleghe con commenti non graditi rivolti ai loro aspetti fisici.

Dopo la pubblicazione dell’inchiesta della Cnn, Morgan Freeman ha rilasciato una dichiarazione in cui ha detto: “Chiunque mi conosce o ha lavorato con me sa che non sono qualcuno che intenzionalmente offendere o consapevolmente fare sentire a disagio a qualcuno. Mi scuso con chiunque si sentisse a disagio o mancato di rispetto – Non e’ mai stato il mio intento”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE