fbpx

Governo: Meloni, su Savona sto con Salvini

Cronaca

“Su Paolo Savona, una nuova inaccettabile ingerenza di Mattarella, dopo l’ostinazione a non conferire l’incarico di governo al centrodestra. Ho comunicato a Salvini che Fratelli d’Italia, pur senza aver cambiato idea sul governo giallo-verde, offre il suo convinto aiuto per rivendicare il diritto di un governo a scegliere un ministro dell’Economia non indicato da Bruxelles. L’Italia è ancora una nazione sovrana, Juncker e la Merkel se ne facciano una ragione”. Lo afferma Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia.
Dopo lo scontro con il Colle sul nome di Paolo Savona come ministro dell’Economia la tensione resta alta e i tempi per la formazione del governo giallo-verde sembrano allungarsi ancora. Fonti sia del Movimento cinque stelle che della Lega spiegano che sul nome di Savona non sono disposti a cedere. Da parte sua il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è determinato ad esercitare fino in fondo le sue prerogative. In un tweet Matteo Salvini, che ieri si è detto “davvero arrabbiato” incassando il like di Luigi Di Maio, ricorda la linea: “Giornali e politici tedeschi insultano: italiani mendicanti, fannulloni, evasori fiscali, scrocconi e ingrati. E noi dovremmo scegliere un ministro dell’Economia che vada bene a loro? No, grazie! #primagliitaliani”. Intanto la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, pur non avendo cambiato idea sul governo giallo-verde, ha giudicato “inaccettabile l’ingerenza di Mattarella” su Savona e ha offerto a Salvini “il suo convinto aiuto per rivendicare il diritto di un governo a scegliere un ministro dell’Economia non indicato da Bruxelles. L’Italia è ancora una nazione sovrana, Juncker e la Merkel se ne facciano una ragione”.
Da settimane la leader di Fratelli d’Italia non e’ tenera con il Colle: sin dall’inizio delle consultazioni, a piu’ riprese, Giorgia Meloni ha criticato il capo dello Stato per non aver affidato l’incarico al Matteo Salvini, neo promosso leader del centrodestra, dopo il voto. Ma oggi l’ex ministro alza il tiro, intervenendo in soccorso del segretario leghista nel bel mezzo del braccio di ferro sul futuro titolare del Tesoro: “Su Paolo Savona – attacca Meloni – una nuova inaccettabile ingerenza di Mattarella, dopo l’ostinazione a non conferire l’incarico di governo al centrodestra. Ho comunicato a Salvini – prosegue Meloni – che Fratelli d’Italia, pur senza aver cambiato idea sul governo giallo-verde, offre il suo convinto aiuto per rivendicare il diritto di un governo a scegliere un ministro dell’economia non indicato da Bruxelles”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE