fbpx

Amatrice: “ricostruiremo tutto e qui”, parola di Renzi!

Ambiente & Territorio

L’Aquila, Amatrice,… due realtà inequivocaboli. Il terremoto ha prodotto danni enormi ma le macerie sono lì in un silenzio eloquente. Non è la prima volta che vi sono terremoti in Italia; il ricordo va all’Irpinia o al Friuli, o più recentemente in Emilia,.. certamente in quei casi anche con gran dispendio di danari pubblici si è ricostruito ed avviato uno sviluppo fantastico che ha generato modelli di economia tipicamente italiana. A quell’epoca nessuno immaginava che potessero essere lasciati a se stessi! Era la mentalità della alacrità, della laboriosità e della inclusione. Mai si sarebbero abbandonati, esclusi dal reato della società, era inconcepibile, anzi, si è proceduto anche dopo la fase della emergenza con determinazione priva di tentennamenti; le stesse immancabili irregolarità e gli arricchimenti personali e politici che sono stati molti e molti di più del sopportabile, appaiono oggi poca cosa rispetto al recupero realizzato e al beneficio per tutti, terremotati e non.

Oggi non è più così: come si lasciano intere generazioni “inutilizzate” perché concretamente inutili per coloro che detengono il potere, cosi anche queste zone si scoprono inutili; al di la dei turisti che per poche settimane estive andavano a godersi la tranquillità e le prodigalità culinarie offerte dalle tradizioni locali non v’era nulla di utile e quindi si lascia che le cose rimangano come il terremoto le ha lasciate. La cultura della efficienza tecnologica nordica si rivela per quella che è e cioè cultura della esclusione di coloro non utili al sistema efficientista; e li si esclude senza che se ne preveda un destino; semplicemente perché non vi sono soldi per mantenerli.

Quindi lo stato di abbandono in cui versano le aree terremotate è una icona perfetta del modello di governo che subiamo ove la finanza impone alla politica la prassi efficentista incarnata dalla tecnocrazia europea. Quella icona descrive perfettamente la filosofia che muove i potenti di oggi.

Serve dirci se esiste una alternativa: i privati ancorchè possessori delle case distrutte non hanno interesse a ricostruire case che avrebbero un valore inferiore alla spesa necessaria alla loro ricostruzione; poi sanno che vi sono le tasse da pagare a prescindere dal reddito che producono; la burocrazia pretende fin d’ora per la rimozione delle macerie (e per la successiva ricostruzione) pedaggi enormi che al tempo dell’Irpinia non esistevano; lo stato preferisce utilizzare i cospicui proventi fiscali che rastrella dai contribuenti al sostegno della pletora infinita dei dipendenti pubblici (che poi non sono altro che la stessa burocrazia che blocca le attività economiche) e dei clientes che sostengono il consenso che differentemente non permetterebbe alle casta di occupare i posti che occupa. Quindi non esiste una alternativa se il sistema rimane questo.

Quel che serve, visto che di soldi non se ne parla, è che in quelle aree si instauri una sorta di area franca burocratica e fiscale (come in Puglia fu fatto secoli fa in valle d’Itria proprio perché poverissima) che renda quelle aree interessanti economicamente per investitori locali e nazionali proprio perché libere dalle medioevali limitazioni imposte dai signorotti della burocrazia. Diverrebbero attrattive di italiani e stranieri e dei loro capitali che vogliono vivere liberi… veramente.

Invece non si fa nulla pur sapendo che lasciando così le cose il fisco prenderà veramente poco….

 Canio Trione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE