fbpx

Da bollette a sanita’, spese obbligate per 7.300 euro a testa

Cronaca

Dall’energia elettrica ai ticket sanitari, passando per le assicurazioni, le quota di ‘spese obbligate’ nel 2018 si attesta al 40,7% sul totale dei consumi, in calo di circa un punto rispetto al 2014, ma con un peso di “quasi 7.300 euro l’anno pro capite”. La voce abitazione la piu’ rilevante: tra affitti, manutenzioni, bollette e utenze “quasi 4.200 euro”. E’ quanto stima l’ufficio studi della Confcommercio. Intanto cala la quota di spesa per gli alimentari, attestandosi al 15% del totale.
Dopo la crescita inarrestabile degli ultimi 20 anni (+5,3 punti percentuali tra il 1995 e il 2014), la quota di spese obbligate sul totale dei consumi diminuisce di un punto percentuale passando dal 41,8% del 2014 al 40,7% del 2018, calo determinato soprattutto da una decisa riduzione dei prezzi degli energetici e dei servizi finanziari. Lo rileva un’analisi dell’Ufficio studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2018, spiegando come in ogni caso, questa componente di spesa rimane l’aggregato più significativo. Le spese per i beni rappresentano il 37,7%, quelle per i servizi il 21,6% arrivando a pesare oltre 7.200 euro l’anno pro capite. Tra le spese obbligate, la voce abitazione è quella che incide maggiormente arrivando a “mangiarsi” – tra affitti, manutenzioni, bollette, e utenze – quasi 4.200 euro pro capite (il 60% delle spese obbligate complessive). All’interno dei consumi commercializzabili (10.580 euro pro capite nel 2018), anche se per due terzi sono rappresentati dai beni, i servizi hanno assunto un ruolo sempre più significativo, mentre continua il calo della quota destinata agli alimentari, ma questa voce aumenta nei valori pro capite. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE