Estero

Pasqua di terrore in Sri Lanka: attacco alle chiese e agli hotel, oltre 200 morti

Sette esplosioni con bombe contro quattro alberghi e tre luoghi di culto, 35 stranieri tra le vittime, tra cui inglesi, olandesi e americani. I feriti sono 500. Colpite la capitale Colombo e le citta’ di Negombo a nord e Batticaloa nell’est. Arrestati 13 sospetti. Kamikaze si fa saltare in aria in casa durante raid della polizia, morti tre agenti. Il governo impone il coprifuoco notturno. Sospetti sul gruppo radicale islamico National Thowheeth Jamaath, 007 stranieri avevano lanciato un allarme. Il Papa: affettuosa vicinanza alle vittime di una cosi’ crudele violenza. Mattarella: azione vile.

Pasqua di sangue in Sri Lanka. Almeno 207 persone sono state uccise e oltre 450 ferite in un’ondata di attacchi contro chiese e alberghi. Otto le esplosioni: tra gli obiettivi le chiese dei distretti di Negombo, Batticaloa e Kochchikade a Colombo, colpite mentre erano gremite di fedeli, e gli hotel Shangri-La, Kingsbury e Cinnamon, anch’essi nella capitale. Decine di stranieri sono tra le vittime, 35 secondo la polizia. Mentre non è chiaro chi sia responsabile degli attacchi, il primo ministro Ranil Wickremesinghe ha confermato che otto presunti responsabili sono stati arrestati. Tra loro ci sarebbero vari kamikaze e gli investigatori indagano su eventuali loro legami “oltremare”. Le autorità hanno imposto un coprifuoco, inizialmente annunciato per la notte, poi applicato in via immediata dalla polizia. L’attacco è il più violento nel Paese dalla fine della guerra civile nel 2009, in cui in quasi trent’anni di spinta indipendentista delle Tigri Tamil morirono più di 70mila persone.La prima notizia delle esplosioni è stata diffuso intorno alle 8.45 locali (le 5.15 italiane), a proposito di diversi luoghi vicini a chiese e hotel. Decine di persone sono morte nella chiesa di San Sebastiano a Negombo, pesantemente danneggiata dalle detonazioni. Pesante bilancio anche nella chiesa di Sant’Antonio, santuario molto popolare tra i fedeli cristiani. Sono stati presi di mira anche ristoranti, proprio all’ora della colazione. Tre poliziotti sarebbero morti sul luogo dell’ultima esplosione, l’ottava. Secondo i media, la maggior parte delle persone uccise è composta da cittadini dello Sri Lanka, decine dei quali partecipavano alle cerimonie religiose pasquali. Tra gli stranieri uccisi ci sarebbero almeno cinque britannici, nonché “vari” statunitensi, secondo il dipartimento di Stato di Washington. Inoltre, la morte di tre danesi e due turchi è stata confermata dai rispettivi governi e Amsterdam ha dato notizia del decesso di un olandese. Ancora, il bilancio comprenderebbe tre indiani, un portoghese, due cinesi.Il presidente Maithripala Sirisena ha diffuso una dichiarazione chiedendo ai cittadini di restare calmi e sostenere le operazioni di soccorso e le indagini. Il premier ha condannato “l’attacco codardo”, chiedendo “unità e forza” ai cittadini, mentre l’arcivescovo di Colombo, Malcolm Ranjith, ha descritto gli attentatori come “animali” e chiesto che siano “puniti senza pietà”. Dall’estero è intervenuto papaFrancesco che ha condannato la “crudele violenza” contro i cristiani. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il premier israeliano Benjamin Netanyahu, la premier britannica Theresa May e la cancelliera tedesca Angela Merkel sono tra i leader mondiali che hanno espresso cordoglio e promesso di contrastare il terrorismo e sostenere lo Sri Lanka. Dall’Italia, il presidente Sergio Mattarella ha inviato un messaggio in cui ha promesso “inflessibile impegno nella lotta contro ogni forma di terrorismo e di violenza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE