Cronaca

Ecco il video choc dell’anziano bullizzato e picchiato

Ecco il video choc dell'anziano bullizzato e picchiato

Legato a una sedia e picchiato a morte da una baby gang che già lo bullizzava da tempo. E’ accaduto a Manduria, in provincia di Taranto. La vittima è un uomo di 66 anni, Antonio Cosimo Stano, morto in ospedale il 23 aprile scorso, dopo 18 giorni di agonia. L’aggressione risale infatti al 6 aprile scorso, quando l’uomo è stato rapinato in casa di 30 euro da alcuni ragazzini. In relazione alla vicenda, su cui indagano il Commissariato di polizia e la Procura della Repubblica, sono indagati 14 giovani, tutti minorenni tranne uno. L’uomo, che abitava da solo in una casa al piano terra, quindi facilmente accessibile ai ragazzini, era stato sottoposto a precedenti atti di bullismo. E’ morto all’ospedale Giannuzzi di Manduria a causa delle gravi ferite riportate.

LE VIOLENZE RIPRESE CON I CELLULARI – Bullizzato, deriso, picchiato con calci e pugni, in casa ma anche in strada. Il massacro del 66enne è tutto in una serie di video girati dai ragazzini che si divertivano a prenderlo in giro e poi a spingere, a picchiare, a torturare, a chiedergli i soldi della pensione. Quei video sono ora sul tavolo dei pubblici ministeri Remo Epifani, della Procura della Repubblica, e del procuratore capo della Repubblica per i minori, Pina Montanaro. L’autopsia sul corpo del 66enne dovrà accertare le cause della morte. In particolare il medico legale nominato dalla Procura, la dottoressa Liliana Innamorato, dovrà accertare “l’esistenza di affezioni patologiche, descrivere e dire se le stesse possano esser state causate, concausate o aggravate da fatti traumatici, anche di natura psichica subiti dallo stesso”. Il consulente tecnico avrà 60 giorni di tempo per rispondere ai quesiti posti dal pubblico ministero.

IL VIDEO CHOC PUBBLICATO SUL NUOVO QUOTIDIANO DI PUGLIA – Pochi secondi di filmato, al buio, in strada. Le urla strazianti, che si alternano alle risate dei ragazzini che riprendono il pestaggio, sono del 66enne. Il video choc è sulla home page del Nuovo Quotidiano di Puglia. Davanti all’obiettivo un ragazzino con la vittima che non fa in tempo a chiedere il perché di quell’aggressione quando viene colpito con violenza da una spinta che lo fa finire a terra.

IL LEGALE DEGLI INDAGATI – “Sono tutti ragazzi normalissimi, studenti di liceo nati e cresciuti a Manduria in contesti familiari a modo, figli di commercianti, impiegati pubblici” ha detto all’Adnkronos l’avvocato Lorenzo Bullo che assiste sette (un maggiorenne e sei minorenni) dei quattordici indagati. “Tutti quelli che si sono avvicinati a questa vicenda, mandando, ricevendo o inoltrando video e messaggi sui due gruppi Whatsapp in esame sono coinvolti – ha spiegato il legale – Per il momento la Procura, che ha secretato gli atti, ha sequestrato tutti i cellulari e non possiamo far nulla. Da parte mia ho nominato il medico legale di parte, il dottor Massimo Brunetti” che ha partecipato all’autopsia sul corpo della vittima. “Domani sapremo qualcosa di più. Certo, bisognerà valutare la sussistenza del nesso di casualità tra quanto avvenuto e il decesso, a 18 giorni di distanza dal ricovero, valutare le cartelle cliniche dei primi ricoveri, le analisi del sangue. Aspettiamo l’esito delle indagini, ad oggi senza aver avuto accesso ad alcun atto”.

HANNO TRA I 15 E I 22 ANNI – Il più piccolo dei 14 indagati non ha ancora compiuto 16 anni, il più grande ne ha 22. Sono tutti amici, nati e cresciuti a Manduria. Posano sui social con le facce pulite dalle quali mai ci si aspetterebbe il massacro impietoso che hanno messo a segno. Nella foto profilo uno di loro indossa una giacca con la scritta “Crew”, la “cricca”, forse la stessa di cui faceva parte e con la quale è accusato di aver partecipato all’aggressione subita dalla vittima. La posa da duro, ma sotto il commento tutto cuori di una zia alla quale lui ricambia con la stessa dolcezza. Un altro posa con una pistola in pugno, un altro ancora “vive la vita un quarto di miglio alla volta” ma non ha ancora la barba. Piccoli, piccolissimi eppure tutti indagati per reati pesantissimi, omicidio preterintenzionale, rapina impropria, danneggiamento, lesioni personali, violazione di domicilio, atti persecutori ai danni di una persona con minorata difesa.

SALVINI E DI MAIO – “Se confermati colpevoli, pene esemplari per tutti, anche per i minorenni, che devono essere trattati (e puniti) come tutti gli altri – commenta Matteo Salvini – Di fronte a simile violenza, per me non esiste la distinzione fra minorenni e maggiorenni”. “Bullizzato, rapinato, segregato in casa e picchiato fino alla morte. È inaccettabile quanto successo al 66enne di Manduria, un fatto vergognoso che non può passare in secondo piano” sottolinea in una nota Luigi Di Maio. “La morte di Antonio deve farci capire che la sicurezza dei nostri cittadini deve essere la priorità di questo Governo. E dobbiamo lavorare per garantire maggiore sicurezza anche ai nostri anziani, troppo spesso abbandonati. Una cosa è certa: questi soggetti la pagheranno“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE