Cronaca

Dal Consiglio dei ministri via libera al Decreto sicurezza bis

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto sicurezza bis. La seduta è durata circa due ore.

“Habemus decreto sicurezza bis. Tre sono i filoni principali, la lotta all’immigrazione clandestina per cui si prevede la confisca delle navi, multa dal 10 a 50 mila euro per comandante, armatore e proprietario delle navi che non ottemperano alle richieste della Guardia Finanza e la possibilità di pagare agenti in borghese e usare le intercettazioni”.

Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini al termine del Cdm.  “Ci sara’ la possibilita’ di usare agenti sotto copertura e le intercettazioni contro i trafficanti di esseri umani”, ha aggiunto. “Penso che questo Consiglio dei ministri abbia approvato un passo in avanti verso la sicurezza di questo Paese”.  Il decreto Sicurezza bis “e’ troppo repressivo? No, abbiamo specificato che gli episodi di violenza durante pubbliche manifestazioni debbano prevedere concreto pericolo a persone o cose con l’utilizzo di razzi, petardi, mazze o bastoni. Non penso che la liberta’ di pensiero di qualunque italiano passi attraverso strumenti di questo tipo”. 

Sul decreto sicurezza bis “c’erano stati degli interventi” gia’ prima delle Europee, “eravamo in dirittura d’arrivo ma eravamo arrivati a ridosso della giornata della competizione elettorale. Io stesso avevo chiesto a Salvini di rinviarlo, in quanto convocare un Cdm due giorni prima delle Europee non mi sembrava opportuno”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

Nel decreto sicurezza bis, nella parte sulla violenza legata alle manifestazioni sportive, si prevede “un apparato preventivo e sanzionatorio gia’ in essere prima dell’inizio del prossimo campionato di calcio”. Lo afferma il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti in conferenza stampa a Palazzo Chigi. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE