Stalking e violenza

Palermo, arrestato per stalking e ripetute violenze sulla moglie

Accusato di minacce di morte e aggressioni sulla compagna anche durante la gravidanza, arrestato dalla Polizia di Stato

A Partinico, in provincia di Palermo, gli agenti di polizia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Palermo nei confronti di un uomo di 37 anni. L’accusato, già noto alle forze dell’ordine, è ritenuto responsabile di ripetuti comportamenti violenti, di maltrattamenti e atti persecutori nei confronti della moglie, compiuti spesso in presenza del loro bambino.

L’uomo nell’ottobre del 2017 aveva provocato una lite con il personale medico dell’ospedale cittadino, e in quell’occasione i poliziotti del Commissariato di Partinico avevano avuto modo di parlare con la compagna. La giovane visibilmente scossa aveva raccontato agli agenti che il marito la stava obbligando a firmare le dimissioni volontarie contro il parere dei medici, questo aveva originato il litigio. Inoltre agli agenti la donna aveva confessato le numerose e ripetute violenze psicologiche e fisiche subite nel corso degli anni, il compagno non si era fermato con i suoi comportamenti aggressivi nemmeno durante la gravidanza. La giovane aveva trovato il coraggio di denunciare il marito e per tale motivo era stata messa con il figlio in una struttura protetta. Questo però non ha fermato lo stalker che ha messo in atto nuovamente un comportamento persecutorio nei confronti della sua vittima: telefonate, appostamenti, aggressioni, fino a quando l’uomo non si è spinto oltre e ha tentato di sottrarre più volte il loro figlio alla compagna. Il 37enne si è addirittura presentato all’istituto del piccolo, impugnando una tenaglia ha tentato di portarlo via con la forza. Gli agenti di polizia sono intervenuti tempestivamente scongiurando il peggio.

L’uomo, oggi, è stato raggiunto da una misura cautelare e messo agli arresti nella Casa Circondariale Lorusso di Pagliarelli.

F. Moretti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE