Politica italiana

Ritorno di fiamma per lo Stato

Una notizia che accolgo come una boccata d’ossigeno dopo una pausa d’apnea. Aumenta il numero dei cittadini che esprimono fiducia nelle Istituzioni. È quanto emerge dall’annuale Rapporto Italia dell’Eurispes, giunto alla sua 31esima edizione. Secondo l’indagine, che è andata ad approfondire uno dei temi tradizionali del rapporto, la fiducia nelle Istituzioni, oggi al 20,8% è in aumento rispetto allo scorso anno – quando era al 13% – e triplica rispetto al 7,7% registrato nel 2017. Esperienze personali, situazioni contingenti e, a volte, esempi di rappresentanti politici che non brillano in probità, possono, a regione, far traballare il senso di appartenenza a una comunità di cui tutti facciamo parte. Troppo facile l’arte oscura del lamento e dell’accusa verso altro o altri, tentando di scrollarsi da dosso ogni imputabilità. Siamo sempre, socialmente, tutti colpevoli, meritevoli, vincitori o vinti, dipende dalla angolazione in cui siamo posizionati rispetto all’evento. Ecco perché è importante instillare, soprattutto nei giovani, fiducia nelle Istituzioni, senso dello Stato e rispetto delle regole.
Il ritrovato e diffuso clima di fiducia non investe solo le istituzioni politiche. Infatti, stando ai dati del rapporto, il sentimento favorevole è confermato anche rispetto alle Forze dell’ordine. Per i Carabinieri ribadiscono la fiducia 7 italiani su dieci, stabile anche la percentuale relativa alla Guardia di Finanza, che ottiene poco più del 68% di consenso, mentre cresce la fiducia per la Polizia di stato e per la Polizia Penitenziaria. Tra tutte le divise svetta il consenso per i Vigili del Fuoco, affidabili per oltre l’87% degli italiani.
In generale il consenso evidenziato nel Rapporto Eurispes si estende a tutti i tipi di istituzioni. Si registra, quindi, un incremento, anche se lieve, della fiducia dei cittadini nei confronti delle associazioni dei consumatori e in quelle degli imprenditori, nonché nei partiti, i quali con il 27,2% possono vantare il miglior risultato dal 2009. Le uniche istituzioni che invece evidenziano un calo di consensi sono i sindacati, la cui affidabilità passa dal 40% al 37.9% e il dato, mi sia concesso, non mi meraviglia affatto, volendo analizzare le posizioni assunte in merito all’ultimo concorso a Dirigente Scolastico. Ma l’aspetto positivo regge e regge bene. È davvero una bella notizia il recupero della fiducia nelle Istituzioni da parte dei cittadini, anche se rimane un obiettivo da puntare costantemente senza mai abbassare la guardia. E qui si gioca un ruolo importante la Scuola, dalle sezioni dell’infanzia alla maturità, un cammino in cui scolpire a tutto tondo l’importanza di ruoli e rispetto delle regole, che va oltre l’insegnamento del diritto o l’acquisizione delle competenze di cittadinanza. Tra i banchi si forgiano donne e uomini. A noi insegnanti e docenti il privilegio di dare loro forma e affinché questa possa essere un domani la più solida possibile, iniziamo con l’esempio, con l’impegno preso verso lo Stato che noi in primis rappresentiamo ai loro occhi, iniziamo innanzitutto con fare bene il nostro meraviglioso mestiere.
Evelyn Zappimbulso


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE