Giustizia

Codice rosso pro donna


Semaforo rosso per chi maltratta le donne. Arriva finalmente uno stop legislativo forte e chiaro. Il disegno di legge contro la violenza sulle donne è diventata legge a tutti gli effetti ottenendo l’ok da parte del senato con 197 voti a favore, 47 estensioni e, il dato mi piace sottolinearlo, nessun voto contrario. Si compone di 21 articoli che prevedono procedimenti penali più veloci per osteggiare e combattere la violenza di genere. Del resto, è proprio sul fattore tempo che si fa leva per combattere il diffondersi sempre più angosciante delle violenze, dei maltrattamenti e dei femminicidi. Giulia Bongiorno, ministro della pubblica amministrazione, ha affermato: “Rappresenta il massimo che si può attualmente fare sul piano legislativo per combattere la violenza sulle donne. Dopo questa svolta, sono consapevole che l’impegno per combattere la violenza sulle donne non può finire qui: per esempio, sarà essenziale operare sul piano della riduzione dei tempi dei processi penali.”.
Alfonso Bonafede, ministro della giustizia, dichiara che questa legge significa una presa di posizione nei confronti delle violenze di genere, ossia che le donne in Italia non si toccano.
Sostenuto fortemente dal ministro della pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, il testo del provvedimento è stato cambiato con l’aggiunta di numerosi articoli durante l’iter in commissione Giustizia di Montecitorio. In occasione dell’esame da parte dell’Aula della Camera sono state però inserite importanti novità, come il reato del revenge, che stabilisce una pena per chi diffonde immagini intime e private.
Viene altresì inserito nel codice penale il reato di sfregio al volto. Infatti chi commette questo reato viene punto con una pena che va dagli 8 ai 14 anni di reclusione. Invece se lo sfregio causa la morte alla vittima, deve scontare l’ergastolo. Un importante passo avanti, insomma, verso la tutela sempre più certa e sostanziale della donna, anello fondamentale, tetragono della nostra società.

Evelyn Zappimbulso


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE