Friuli Venezia Giulia

Da Giau, sentire in Commissione i prefetti sugli stranieri in FVG

TRIESTE – La consigliera regionale del
Pd Chiara Da Giau, insieme ai colleghi di Pd, Open-Sinistra FVG e
Cittadini, ha depositato una richiesta di audizione in
Commissione dei prefetti di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine
con l’assessore alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, per conoscere
dati, risultati, difficoltà e prospettive sulle presenze di
stranieri nel nostro territorio e la relativa gestione.

“Dai pattugliamenti ai confini anche da parte della forestale, ai
muri con la Slovenia. Dai rimpatri o trasferimenti, allo
smantellamento dell’accoglienza diffusa. Tra promesse e azioni
spot – commenta la Da Giau -, la Lega ci ha riempito le orecchie
di quanto l’emergenza migranti fosse il primo problema da
affrontare e risolvere. Oggi, a un anno e tre mesi di governo
regionale, non abbiamo idea dei numeri del fenomeno visto che il
servizio regionale di informazione sulle presenze di stranieri
nel territorio risulta ancora sospeso, a distanza di 7 mesi, e il
cruscotto nazionale gestito dal ministero dell’Interno dà conto
solo di presenze derivanti dagli sbarchi e non considera la
cosiddetta rotta balcanica che, come stiamo continuamente
riscontrando, interessa molto la nostra regione. É tempo di
incontrare nuovamente i prefetti per avere un quadro chiaro della
situazione in Friuli Venezia Giulia.

“L’ultimo buco nell’acqua è il protocollo firmato in pompa magna
a Trieste dal ministro dell’Interno, Salvini, per il rimpatrio
volontario, che nel Pordenonese ha prodotto il nulla assoluto,
nemmeno una richiesta di rientro di migranti. Intanto nelle città
si manifestano situazioni di disagio e tensione legate ai nuovi
provvedimenti e i bandi sull’accoglienza diffusa vanno deserti.
Abbiamo il sospetto che la propaganda nasconde incapacità di
gestione, e vogliamo fare il punto con i prefetti che un anno fa
esprimevano sostanziale tranquillità e mostravano apprezzamento
per il sistema dell’accoglienza diffusa”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE