fbpx

I migranti non entrano nelle case degli italiani

Interviste & Opinioni

“Maestro, perché i pellegrini non li porti a casa tua?”. Ci pensate se gli apostoli avessero fatto una domanda così strampalata a Gesù? Condizione indispensabile per parlare a favore dell’accoglienza dei migranti, è portarseli a casa propria? Ma che cavolo (scusate se mi irrito lievemente) di discorso è? E Matteo Salvini insiste nel discorso strampalato.

Riguardo a Richard Gere, che si è schierato a favore dei migranti, ha detto: “Visto che il generoso milionario annuncia la sua preoccupazione per la sorte degli immigrati della Open Arms, lo ringraziamo: potrà portare a Hollywood, col suo aereo privato, tutte le persone a bordo e mantenerle nelle sue ville. Grazie Richard”. Riguardo a Luciana Littizzetto, che pure ha parlato a favore dei migranti, ha chiesto: «Quanti ne ospiterà a casa sua?». Insiste, il ministro, e gli allocchi come il solito abboccano e applaudono. Il discorso potrebbe avere una sua logica qualora qualcuno, chiedendo di accogliere i migranti, volesse farli entrare nelle case degli italiani, che le famiglie italiane li accogliessero nella propria casa. Ma nessuno se lo sogna.  

Renato Pierri 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE