fbpx

Psicopatia, sociopatia o disturbo antisociale di personalità?

Senza categoria

Psicopatico e sociopatico sono termini entrati nel linguaggio comune per indicare una persona con un pessimo carattere, che perde il controllo con molta facilità, o con comportamenti fuori dalle regole, senza rimorso per le conseguenze delle proprie azioni, diciamo di lui che è uno “psicopatico” o un “sociopatico”. Chi sono veramente queste persone? Quale diagnosi effettiva ritroviamo nell’ultimo Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali?

Quello che la televisione trasmette è finzione o realtà, oppure c’è del vero nella finzione? E nei romanzi gli autori quanto si avvicinano alla verità nella descrizione dei loro protagonisti con personalità disturbata? Uno psicopatico è davvero come viene presentato nel film Psyco diretto da Alfred Hitchcock e tratto dall’omonimo romanzo di Robert Bloch? Il protagonista Norman Bates è il killer psicopatico della porta accanto, solitario e succube dell’anziana madre, possessiva e dispotica.

Verità e finzione si intrecciano nell’interpretazione che viene data dal regista o dallo scrittore. La storia del cinema e della letteratura vanta diversi protagonisti psicopatici e sociopatici, ma quali sono le caratteristiche diagnostiche riportate nei manuali clinici?

Lo psichiatra Hervey Milton Cleckley si può considerare il primo che ha provato a fornire una descrizione a livello clinico di psicopatia. Nel 1941 fu pubblicato il suo libro The Mask of Sanity, il titolo maschera di sanità esprime la convinzione dell’esperto statunitense che lo psicopatico può apparire normale e affascinante, ma la maschera cela un disturbo mentale. Per lo più di sesso maschile, sono coinvolgenti, attraenti, in apparenza individui normali.

Sono tutti violenti e assassini? No, gli psicopatici non sono tutti violenti. Questo è un mito da sfatare e che appartiene in larga misura alle fiction televisive e ai romanzi thriller.

Nell’ultimo Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi mentali, da ora in poi DSM-5, non troviamo la diagnosi di psicopatia né di sociopatia bensì di Disturbo Antisociale di personalità (Disturbi di personalità del gruppo B). Questo tipo di personalità si caratterizza per l’incapacità di rispettare i diritti degli altri, nel DSM-5 si legge di “inosservanza e di violazione dei diritti degli altri, che inizia nell’infanzia o nella prima adolescenza e continua nell’età adulta”. Questo modello dominante viene anche detto psicopatia, sociopatia o disturbo dissociale di personalità.

Questi individui sono abili manipolatori che pur di ottenere quello che vogliono mettono in atto comportamenti inadeguati. Disonesti per piacere o per un tornaconto personale. Irrispettosi nei confronti delle norme sociali, compiono spesso azioni al limite della legalità. Un altro tratto di questi soggetti è l’impulsività, decidono sull’impulso del momento senza considerare le conseguenze che le loro azioni potranno avere su se stessi e gli altri. Irresponsabili, incapaci di prendersi cura di sé, di una famiglia, o di un figlio. Il loro mancato senso di responsabilità li porta a cambiare spesso lavoro, quindi sono persone che in più di una situazione si trovano in difficoltà economiche. Sono facili ad irritarsi e spesso rimangono coinvolti in scontri fisici per il loro tratto comportamentale aggressivo.

Le persone con disturbo antisociale di personalità sono abili attori, fingono, manipolano, non si fanno scrupoli, non provano rimorso se devono calpestare gli altri per raggiungere i propri obiettivi. Sono soggetti con un eccesso di autostima, arroganti, saccenti, presuntuosi, cocciuti. Dialettica brillante e fascino disinvolto sono le chiavi per acquistare la fiducia altrui, per aprire il cuore e usare le informazioni che riescono ad ottenere spontaneamente, e per usarle a loro vantaggio. Non sono in grado di mettersi nei panni degli altri per mancanza di empatia, non riescono a capire o condividere i sentimenti di un altro individuo, tuttavia sono capaci di manipolare le persone attraverso emozioni false. Finge di provare rimorso se indebitamente si è appropriato di qualcosa. Persone spregiudicate dal cuore freddo.

Alla base del disturbo antisociale di personalità possono esserci fattori genetici e ambientali. Il clinico nelle sue valutazioni tiene conto anche del contesto socio-economico in cui si manifesta il comportamento.

Riferimenti bibliografici:

Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi mentali, quinta edizione

F.Moretti

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE