fbpx

Litigiosita’

Interviste & Opinioni

Restare fuori dell’area di potere è l’apprensione di tutti. Dato che voltare pagina, da noi, sembrerebbe improponibile, ci si prepara a operazioni “trasformistiche” con le quali, ne siamo certi, sarà rimandato solo il vero”problema” politico del Paese. L’attuale situazione ha dimostrato che questo Esecutivo non poteva avere vita lunga. Sembra che tutti siano, però, intenzionati a prendere tempo. C’è chi punta su nuove alleanze, chi su uomini “ripescati” dal nostro passato politico.

Sembra, tuttavia, che si siano dimenticati dell’Azienda Italia e del suo ruolo a livello Unione Europea. Già s’ipotizza una nuova “stangata” fiscale diretta e indiretta. Certo è che le polemiche, chiamiamole così, hanno ampiamente superato la fase iniziale e l’area di Governo appare irta di complessi aspetti sempre meno convergenti. Se il “Centro/Destra” è fallito, ci chiediamo che sorta d’Esecutivo di “transizione” potrebbe essere partorito senza elezioni anticipate e col “Rosatellum” come legge elettorale.

In questo Parlamento non ci sono nuovi numeri e finalità. Lo abbiamo già scritto, e ora lo confermiamo. Da noi mancano i “programmi”. I politici, vecchi e nuovi, sono assimilabili a “pensionabili” o “apprendisti”. Per essere sinceri, non c’interessa proprio se prevarrà questo o quello. Sono le proposte a essere prive di un assetto utile per il Paese.

La politica nazionale non dipende, tanto per essere chiari, solo dai politici e dai partiti. Del resto, con quest’assioma si potrebbe già prevedere la “durata” di un eventuale Esecutivo di “transizione”.

Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE